martedì 28 dicembre 2010

Michele Marziani e Marco Salzotto vincono il Gourmand World Cookbook Awards

Il libro Sovversivi del gusto 2. Secondo viaggio fotografico nel mondo dell'enogastronomia che resiste (Nda Press, 2009), realizzato dallo scrittore Michele Marziani e dal fotografo Marco Salzotto, ha vinto il prestigioso Gourmand World Cookbook Awards 2010 per l'Italia nella categoria Best Cookbook Photography e farà parte della rosa di titoli tra i quali il 3 marzo 2011 a Parigi - nell'ambito di Paris Cookbook Fair - verrà scelto il Gourmand Best in the World.
I Gourmand World Cookbook Awards - riconoscimenti di grande prestigio internazionale -  vengono assegnati ogni anno ai migliori libri enogastronomici del mondo, selezionati da un comitato di noti gastronomi e professionisti dell'editoria.

giovedì 16 dicembre 2010

Elisabetta Bucciarelli vince lo Scebarnenco 2010

Ricordate che qualche tempo fa avevo parlato della cinquina finalista al premio Scebarnenco 2010?
Beh sono molto felice di potere scrivere questa veloce news, perchè la vincitrice meritatissima, con Ti voglio credere (Kowalski), è Elisabetta Bucciarelli  scrittrice che stimo moltissimo e di cui apprezzo grandemente la produzione letteraria.
Complimenti Elisabetta!!!

martedì 14 dicembre 2010

Nina Nihil giù per terra di Marta Casarini

All'inizio la storia di Nina Nihil, baby sitter oversize con una vita caotica e sconclusionata, appare semplice. Ma è solo una prima e fugace impressione.
Perchè subito dopo si viene catturati da un vortice di sensazioni, citazioni, interrogativi. E allora le vicende di Nina - che vorrebbe trascorrere le sue giornate sdraiata sul pavimento e come unica confidente ha Mela, la bambina di cui si occupa - diventano un pretestoper scavare tra miti, speranze, problemi, disillusioni di una giovane donna di oggi che non riesce a sottrarsi al peso del maledetto clichè magra=vincente/grassa=perdente.
Marta Casarini giovane autrice esordiente, mi ha raccontato qualche cosa in più sul suo primo romanzo Nina Nihil giù per terra.

Potete leggere l'intervista nella rubrica First Circle che tengo su BookAvenue.

martedì 7 dicembre 2010

La gabbia criminale di Alessandro Bastasi a Imola

Il Caffè Letterario Quinò (Via Emilia 194 - Imola) presenta La gabbia criminale di Alessandro Bastasi (Eclissi Editrice, 2010).
Legami di sangue intrecciati di segreti rancori, ipocrisie e finto perbenismo, vendette politiche e sociali non ancora del tutto consumate, riportano a galla atrocità commesse in un periodo storico in cui tanti delitti restavano impuniti e l’ingiustizia sollevava scarsa ribellione, costruendo intorno ai protagonisti una “gabbia criminale” dalla quale è difficile liberarsi.
Sabato 11 dicembre 2010 ore 18.30. Introdurrà l'autore Nadia Zapperi.

venerdì 3 dicembre 2010

Michele Marziani a Civitavecchia

Michele Marziani sarà ospite venerdì 3 dicembre al Panama Café in Via della Polveriera a Civitavecchia per parlare de “La Storia, le storie e gli Storioni”.
A partire dalle 20, introdotto da Fabrizio Gabrielli, Marziani racconterà aneddoti e curiosità su La signora del caviale.
A seguire, dalle 20.45, la chef Chiara Romiti proporrà un menu tutto incentrato sul romanzo, con diverse variazioni sul tema dello storione, tipicità emiliane come lo gnocco fritto o i bigoli ed un esotico balik ekmek alla turca.
La cena sarà accompagnata dai vini dell’Azienda vitivinicola Fondo Luogaccio di Mariotti, in special modo il Fortana del Bosco Eliceo conosciuto come “vino della sabbia”.
Per info e prenotazioni: 0766503012 o 3332479188 (presentazione ad ingresso libero – cena euro 35 per persona).

martedì 30 novembre 2010

"Il lato oscuro" di Viaemiliaventicinque


Sarà "Il lato oscuro", inteso nelle sue più infinite sfumature - dall'horror all'introspezione psicologica - il protagonista del reading di racconti che il gruppo di scrittura Viaemiliaventicinque propone per domenica 5 dicembre alle ore 17.00 al Caffè Letterario Quinò (Via Emilia 194) a Imola.
Il gruppo di scrittura Viaemiliaventicinque, già attivo da alcuni anni ad Imola, raccoglie alcuni autori del territorio interessati ad approfondire, attraverso le potenzialità espressive della scrittura, temi di interesse sociale.

venerdì 26 novembre 2010

Sotto i lillà ospita narratori

Segnalo questa iniziativa della blogger Occhi di Notte che scrive:

Una volta alla settimana mi piacerebbe pubblicare i racconti di coloro che, come me, amano molto scrivere e sono felici di potersi mettere in gioco pubblicamente.
Lo scopo è alimentare un fuoco di energia, conoscenza, dibattiti e vitalità attraverso la scrittura.

Saranno accettati qualsiasi tipo di racconti, purché seguano le classiche "norme di decenza" (ovvero non pubblicherò il manuale del bravo terrorista o come attentare alla vita del capo dello Stato e simili).
Se vi farà piacere partecipare, ecco le piccole linee guida da seguire:

   1. massimo due pagine
   2. breve introduzione che racconti chi siete e com'è nato il vostro scritto, perchè amate la scrittura, cosa vi da.

Potete trovare i dettagli sul suo blog Sotto i fiori di lillà

giovedì 25 novembre 2010

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

25 novembre: Giornata mondiale contro la violenza sulle donne

Chi umilia o picchia una donna non è un uomo.

Chi è nell'errore compensa con la violenza ciò che gli manca in verità e forza. (Johann Wolfgang Goethe)

mercoledì 24 novembre 2010

I finalisti del Premio Scebarnenco

Ecco la cinquina dei finalisti dello Scebarnenco:
Maurizio De Giovanni, Il giorno dei morti, Fandango libri - 682
Marilù Oliva, !Tu la pagaras!, Elliot - 651
Elisabetta Bucciarelli, Ti voglio credere, Kowalski - 469
Gian Mauro Costa, Il libro di legno, Sellerio - 306
Gianluca Morozzi, Cicatrici, Guanda - 299

Senza dire per chi tifo... sto facendo scongiuri ed incantesimi perchè il primo e il secondo posto devono andare a chi so io... l'ideale sarebbe primo ex equo :-)

Demetrio dai capelli verdi di Marco Mazzanti

Pare una dimensione parallela del nostro mondo quella dove Marco Mazzanti ha ambientato Demetrio dai capelli verdi, il suo ultimo romanzo, a metà strada tra il fantasy e il romanzo di formazione. In un epoca durante la quale si assiste ad un grande fermento culturale e scientifico, benchè ancora tormentata da violenze e guerre, Demetrio - giovane di grande sensibilità e bellezza - vive in un paese che per certi versi assomiglia ad una qualche nazione dell'Est Europa di metà Ottocento. Ma ,come recita il titolo, i suoi capelli verdi e misteriori tatuaggi che compaiono sulla sua pelle solo al sole, lo rendono diverso dagli altri e quindi più vulnerabile. Una serie di vicende, in parte incentrate sull'amore per una donna - che incrinerà il rapporto tra Demetrio e il suo amico Joan Marcel - portano il giovane a compiere un viaggio attraverso il paese ma anche dentro di sè, fino all'abbandono completo della fanciullezza per una consapevolezza adulta.
Marco Mazzanti si conferma narratore poetico ma allo stesso tempo incisivo, perchè le tematiche trattate sono di estrema attualità e al di là della piacevolezza della lettura, spingono ad una riflessione. Interessante l'alchimia di elementi geografici e storici reali abbinati ad altri di pura fantasia che contribuiscono a rendere la storia originale e coinvolgente, nonchè soffusa di sognante fantasia.

martedì 23 novembre 2010

La mia ragazza quasi perfetta di Luca Rota

Tizio Tratanti è un ragazzo pieno di risorse: positivo, estroso, pieno di idee ed entusiasmo. Ha la fortuna di vivere di rendita grazie ad un evento inconsueto ma anche la concretezza di capire che la bella vita non durerà in eterno ed è necessario trovare un lavoro. Mentre cerca di dare risposta a questa esigenza conosce una ragazza bellissima e piena di qualità: pare la ragazza perfetta. Ma capisce presto che la perfezione non esiste: anche la sua meravigliosa "musa" ha un difetto che potrebbe ostacolare il loro amore. Tizio, però, non si scoraggia e mette a frutto la sua mente brillante per risolvere il problema, vivendo nel frattempo situazioni assurde causate spesso dalle sue strampalate invenzioni.
Il libro è divertente, originale, pirotecnico, fantasioso, surreale: pare di guardare un cartone animato o leggere un fumetto. Poi a voler scavare ci si accorge che la gigioneria nasconde riflessioni ben più serie su molti aspetti della vita: la chiusura del nostro mondo verso chi ha qualcosa di diverso, qualsiasi cosa che non lo assimila alla massa; il difficile equilibrio dei rapporti di coppia, la superficialità della gente.
La scrittura di Luca Rota è come un fiume in piena, un po' irruenta e fragorosa, come se l'autore non riuscisse a trattenere la storia e questa erompesse di propria volontà sulla carta. Inizialmente quindi sono rimasta un po' perplessa, visto che amo il linguaggio lineare, asciutto, sintetico. Ma poi ho fatto mio il ritmo scoppiettante della narrazione e ho trovato il libro originale e divertente.

giovedì 18 novembre 2010

Mauro Cavina racconta Hexagon a Imola

Mauro Cavina, autore esordiente di Castel San Pietro, presenterà Hexagon, il suo primo romanzo, domenica 21 novembre, ore 16, alla Libreria di Palazzo Monsignani (Via Emilia 71) di Imola
Hexagon si potrebbe definire un thriller a tinte forti che strizza l'occhio alla fantascienza. Albert Qurvià, giovane militare, varcando le porte della caserma a cui è destinato si sente estremamente orgoglioso di prestare servizio in un luogo così bello, antico, ricco di storia e significati. Ma piano piano scopre che la fortezza nasconde inquietanti e terribili segreti: cosa è accaduto davvero il 26 marzo 1866 nella piazza d'armi della caserma? Perché la bambina che secondo la leggenda venne sacrificata in quella occasione, riappare ogni anno il 26 marzo in una cella della prigione? Per quale motivo il giudice Exagor, subito prima di morire misteriosamente, ha fatto in modo che Albert venisse chiuso nella cella proprio il 26 marzo? Cos'hanno in comune Hamina, Palmanova, Halifax e San Pietroburgo? Mentre Albert cerca di dipanare i misteri, scopre una terribile verità: una misteriosa associazione ha trovato il modo di rendere invincibile e inesorabile il male che sta inghiottendo il mondo. Ma grazie alle apparizioni della bambina il ragazzo verrà guidato attraverso la Finlandia, il Canada, la Russia e l'Italia, verso la risoluzione di un enigma che permetterà finalmente alla piccola di riposare in pace e ad Albert di debellare il male.

mercoledì 17 novembre 2010

L'Anima Animale di Sergio Bartolacelli al Quinò di Imola

Si intitola Anima Animale la personale di Sergio Bartolacelli esposta per tutto il mese di novembre al Caffè Letterario Quinò (Via Emilia 194) di Imola.
Sergio Bartolacelli, nato sull’Appennino Modenese ma residente in provincia di Mantova, disegna e dipinge fin da ragazzo, in modo spontaneo, trasferendo sulla tela o su carta quello che gli occhi vedono. Perciò le sue opere non sono interpretazioni della realtà in cui si inserisce la sperimentazione di deformazioni e stravolgimenti, ma fedeli al soggetto ritratto nelle forme e nei colori. Utilizza molti strumenti espressivi: matita, carboncino, pastello, gessetto, pennello, spatola, pirografo, spugna e  qualunque  altra cosa possa segnare una superficie, per ritrarre nudi, paesaggi rurali e animali in una monocromia che gli consente di concentrarsi sulle linee del soggetto liberandolo dall’assillo dalla scelta dei colori e dai tempi della loro miscelazione.

Appunti per un paesaggio






É stato compito di Appunti per un paesaggio, letture da testi di Michele Marziani, chiudere AmbienteFestival domenica 7 novembre a Rimini. La lettura scenica a tre voci con Isabella Bordoni, Michele Marziani e Paolo Vachino è stata accompagnata dai disegni realizzati in tempo reale da Gianluca Costantini e la musica dal vivo del Trio dell’Istituto Musicale G.Lettimi (C. Boldrini, violino;J. Benatti, clarinetto;F. Mecozzi, tastiera e violino).
La scrittura di Michele Marziani possiede un impatto visivo molto forte, all’interno del quale egli sviluppa trame narrative che procedono in bilico tra la storia collettiva dei popoli e delle terre, e la storia privata degli incontri e degli scambi umani. Il tutto filtrato da un doppio sguardo cheinizialmente appare quasi onirico, ma che ipoi si rivela chiaramente civile. “Appunti per un paesaggio” nasce da questa scrittura che contiene già tutti i segni drammatici per essere interpretata anche come evento scenico.
I testi di “Appunti per un paesaggio” sono tratti da tre romanzi di Michele Marziani: La trota ai tempi di Zorro (2006, DeriveApprodi), Umberto Dei. Biografia non autorizzata di una bicicletta (2008, Cult Editore), La signora del caviale (2009, Cult Editore).
(nel video un assaggio dell’evento)

venerdì 12 novembre 2010

La piadina filosofale

Lo scrittore Michele Marziani ed il fotografo Davide Dutto si sono riuniti in una nuova collaborazione che racconta il gusto, la tradizione, l’innovazione ed il territorio della piadina romagnola: La piadina filosofale (Cibele, 2010)
Come scrive Marziani “questo libro non vuole fare poesia, non vuole raccontarvi come sono buoni i sapori di una volta e poi, zac!, propinarvi il surrogato della modernità… No, vorrebbe raccontarvi una storia, una storia di oggi, narrarvi di un sapore, della terra in cui nasce, del lavoro a volte faticosissimo di chi ha scelto di fare della piada un’impresa, senza rinunciare al proprio territorio, ai propri valori e ai propri sapori.”
Niente sentimentalismo attorno al piatto dell’estate e dei ricordi in riviera, ma uno sguardo attento su come un prodotto può evolversi restando genuino e legato alla propria terra; su come un’azienda può espandersi restando fedele alla tradizione.

giovedì 11 novembre 2010

Gianluca Morozzi presenta ad Imola Cicatrici

Si intitola Cicatrici l'ultimo romanzo di Gianluca Morozzi, che lo scrittore presenterà sabato 20 novembre al Caffè Letterario Quinò (Via Emilia 194) di Imola alle ore 18.30. L'appuntamento, organizzato da Officine Wort, sarà occasione per sentire raccontare direttamente dalla voce dell'autore qualcosa di più su Cicatrici, che segna un ritorno al noir, quindi alle origini.

martedì 9 novembre 2010

Devis Bellucci, lo scrittore sandwich, su YouTube

Ricordate che tempo fa vi ho raccontato l'originale strategia promozionale di Devis Bellucci, autore che sta compiendo un viaggio in giro per il mondo indossando la copertina del suo libro come un uomo sandwich?
Bene, ora lo trovare anche su YouTube, qui.
Buon proseguimento del viaggio Devis!

La gabbia criminale: intervista radiofonica ad Alessandro Bastasi

Se volete sentire dal vivo Alessandro Bastasi che racconta del suo nuovo libro La gabbia criminale, sintonizzatevi sabato 4 dicembre alle ore 16.00 su Radio Base Popolare Network (FM 97.300 in streaming www.radiobase.net), durante la trasmissione Ovile letterario.

lunedì 8 novembre 2010

Bookavenue: è uscito il numero 5 della rivista

Ha come paese ospite la Spagna il numero 5 della rivista di libri e culture letterarie Bookavenue che potete sfogliare o scaricare qui.
Tra gli articoli anche un mio contributo dedicato ad Arturo Perez Reverte.

Blog di un libro: la storia prende forma in tempo reale

Da qualche mese seguo un blog originale e interessante, si chiama Blog di un libro: 9 mesi per vedr nascere un libro e come promette il titolo l'autore interagisce coi lettori nella scrittura e realizzazione di un romanzo che vedrà la luce il 21 febbraio 2011.
Vi sono varie possibilità di interagire col "papà" del libro: commentare i capitoli che posta, scegliere quelli da conservare e quelli da scartare, suggerire storie, addirittura chiedere di essere incluso tra i personaggi.
Ma per capire di cosa si tratta davvero vi consiglio di andare a curiosare qui.
Io attendo il lieto evento...

martedì 2 novembre 2010

Premio Scerbanenco 2010: i semifinalisti

C'è tempo fino al 21 novembre 2010 per votare uno dei 14 romanzi noir che andranno a comporre la cinquina dei finalisti del Premio Letterario Giorgio Scerbanenco 2010 promosso da Courmayeur Noir in Festival in collaborazione con La Stampa. I romanzi sono tutti italiani, editi quest’anno e scelti dalla Giuria Letteraria del festival tra gli 83 che si sono iscritti all'edizione 2010 del concorso.
Potete votare il vostro preferito seguendo le istruzioni qui (lo so non è facile, ci sono alcuni titoli che meritano).
La cinquina dei finalisti verrà poi stabilità sommando i voti dei lettori e quelli della Giuria Letteraria (Valerio Calzolaio, Loredana Lipperini, Carlo Oliva, Gianfranco Orsi, Sergio Pent, Cecilia Scerbanenco, Sebastiano Triulzi, John Vignola, Lia Volpatti).

I romanzi da votare:

Elisabetta Bucciarelli, Ti voglio credere, Kowalski-Colorado noir
Gianrico Carofiglio, Le perfezioni provvisorie, Sellerio
Alfredo Colitto, I discepoli del fuoco, Piemme
Gian Mauro Costa, Il libro di legno, Sellerio
Sandrone Dazieri, La bellezza è un malinteso, Mondadori
Maurizio De Giovanni, Il giorno dei morti, Fandango libri
Massimo Lugli, Il carezzevole, Newton Compton
Rosa Mogliasso, L’assassino qualcosa lascia, Salani editore
Gianluca Morozzi, Cicatrici, Guanda
Marilù Oliva, !Tu la pagaras!, Elliot
Pierluigi Porazzi, L’ombra del falco, Marsilio editore
Piernicola Silvis, Gli anni nascosti, Cairo editore
Valerio Varesi, Il commissario Soneri e la mano di Dio, Frassinelli
Grazia Verasani, Di tutti e di nessuno, Kowalski

sabato 30 ottobre 2010

Cybook Gen 3: è mio!!!

Ebbene sì! Dopo avere vagheggiato per mesi e mesi il possesso di un e-book reader... da qualche giorno questo tesorino che vedete nella foto è mio!!!
Tutto è stato possibile grazie ad una straordinaria fatina dagli occhi chiari (sì, straordinaria, lo ribadisco, e non è un'esagerazione), due adorabili folletti e un grande mago (perdonami ma è l'unica altra creatura magica che mi viene in mente!!!) che mi hanno scaldato il cuore in un giorno speciale e hanno realizzato questo mio piccolo ma significativo (almeno per me) sogno.
Sono ancora senza parole, ma molto molto felice!
Ma la cosa che conferisce grande valore all'oggetto (qualcuno penserà: come la fa lunga per un e-book reader!) è il modo in cui mi è stato consegnato, è il pensiero e l'affetto che ci ho letto attorno.
E... avere amici così ti rimette in pace col mondo.

venerdì 22 ottobre 2010

La vita è come una scatola di biscotti

"Cerca di pensare che la vita è una scatola di biscotti. [...] Hai presente quelle scatole di latta con i biscotti assortiti? Ci sono sempre quelli che ti piacciono e quelli che no. Quando cominci a prendere subito tutti quelli buoni, poi rimangono solo quelli che non ti piacciono. È quello che penso sempre io nei momenti di crisi. Meglio che mi tolgo questi cattivi di mezzo, poi tutto andrà bene. Perciò la vita è una scatola di biscotti."
Haruki Murakami

lunedì 18 ottobre 2010

La gabbria criminale: il giallo di Alessandro Bastasi in uscita il 20 ottobre

Sarà in tutte le librerie il 20 ottobre La gabbia criminale, il nuovo romanzo che Alessandro Bastasi ha pubblicato con Eclissi Editore.
Dopo la prima buona prova con La fossa comune, Bastasi si dedica decisamente al noir ma non rinuncia a qualche contaminazione storica.
La gabbia criminale è una storia corale che rimbalza tra presente e passato, l’affresco di un contesto sociale e di un’epoca non così lontana come sembra; i piani temporali si sovrappongono e si confondono, dando vita a un ritratto tanto accurato quanto impietoso della provincia trevigiana. La storia prende il via molti anni fa in un borgo alla periferia di Treviso dove è stato commesso un atroce duplice delitto che ha lasciato una scia di dolore e di vergogna. Il colpevole - che fino alla morte si è professato però innocente - è già stato da tempo processato e condannato; pare tutto ormai ingoiato dall'oblio.
Ma Alberto, insegnante in pensione, torna a vivere a Treviso proprio nella casa dove aveva abitato nei suoi primi anni di vita, e dove viene aggredito dai fantasmi del passato che gli chiedono insistentemente di trovare la vera soluzione del giallo.
Legami di sangue intrecciati di segreti rancori, ipocrisie e finto perbenismo, vendette politiche e sociali non ancora del tutto consumate, riportano a galla atrocità commesse in un periodo storico in cui tanti delitti restavano impuniti e l’ingiustizia sollevava scarsa ribellione, costruendo intorno ai protagonisti una “gabbia criminale” dalla quale è difficile liberarsi.

Alessandro Bastasi ha pubblicato il romanzo "La fossa comune" (2008). Nel 2009 il suo racconto "Cybernauti" è stato incluso nell’antologia "Amore 2.0 – amori liquidi e ipertecnologici" edita da Edizioni 9Muse, e i racconti "L’uomo del piano di sopra" e "Senza nome" nell’antologia "Bassa marea" edita da Historica Edizioni. Suoi racconti sono inoltre presenti in vari siti letterari.

sabato 16 ottobre 2010

La luce blu delle margherite di Massimo Padua

Romanzo di formazione? Noir? Difficile attribuire un genere a questo intenso e visionario romanzo di Massimo Padua, il suo lavoro di esordio che gli valse nel 2005 il premio Opera prima città di Ravenna. E' una storia che compenetra il lettore lentamente, lo affascina, lo stuzzica con una trama che oscilla tra il reale e il surreale percorrendo assieme al protagonista, Ivan, la sua vita scandita dalle apparizioni di una misteriosa bambina di nome Lara. La prima volta che la vede Ivan è un bambino e non comprende di avere di fronte qualcuno di speciale, magico. Man mano che gli anni passano e Ivan cresce, Lara continua ad apparirgli nei momenti difficili, e in qualche modo la sua presenza lo guida nelle scelte che è chiamato a prendere. Lara diviene una presenza costante, inquietante, ma allo stesso tempo attesa da Ivan che sente crescere un legame speciale con questa sorta di fantasma. Chi è Lara? Riuscirà Ivan a liberarsi dalle visioni? Non voglio svelare altro. Nel romanzo si respira una tensione che si risolverà solo con l'epilogo finale e che conferisce ritmo ad un racconto che altrimenti sarebbe soprattutto introspettivo. Ma - attenzione - non aspettatevi un thriller o un romanzo d'azione. Perchè La luce blu delle margherite coinvolge lievemente, quasi non ci se ne accorge: leggi le riflessioni di Ivan, i suoi stati d'animo, e ne vieni man mano coinvolto a tua volta, aspettando una nuova apparizione di Lara e una nuova svolta nella storia.

giovedì 14 ottobre 2010

Il canto della parola

Scusate ma in questi giorni sono di corsa.
Però non potevo fare a meno di segnalarvi questo festival che sta crescendo sempre più.




Trovate tutte informazioni qui

giovedì 7 ottobre 2010

Le irregolari di Massimo Carlotto

E' come un pugno allo stomaco questo libro, una secchiata di acqua ghiacciata in faccia. Terribile e crudele come il destino dei 30.000 desaparecidos argentini che sono scomparsi tra la metà degli anni '70 e buona parte degli anni '80 (e ancora adesso qualcuno continua a sparire). Che cosa è loro accaduto si sà: torturati spietatamente e poi uccisi, ma i parenti vorrebbero almeno avere una tomba su cui piangere, un anniversario di morte da ricordare, vorrebbero ritrovare i bambini sotratti alle madri improgionate incinte che sono stati dati in adozione agli amici del regime. E il peggio è che noi quarantenni di oggi questi fatti li abbiamo conosciuti in modo marginalissimo, non sapevamo ciò che accadeva. E non lo sanno i ventenni di oggi che a scuola hanno studiato a malapena la seconda guerra mondiale, o gli adolescenti nei cui libri di testo si è persino fatta sparire la parola Resistenza. Si comincia così: prima si cancellano le parole, poi si cancellano le persone. In Argentina, e in Cile, e in altri paesi del Sudamerica ciò è accaduto e sta ancora accadendo, ma si verifica anche più vicino a noi, in Turchia ad esempio. La politica dell'ignoranza - nel senso di ignorare, non sapere - è una delle armi più efficaci dei nostri anni.

martedì 5 ottobre 2010

Marco Vichi vince il Premio Azzeccagarbugli 2010

E' stato Marco Vichi con Morte a Firenze Guanda) a vincere la sesta edizione del Premio Azzeccagarbugli al romanzo poliziesco. Marilù Oliva con Repetita (Perdisa) si è aggiudicata il premio Migliore Opera Prima mentre quello di Migliore Opera straniera è andato a Veit Heinichen con La calma del più forte (Edizioni e/o). La rosa dei finalisti ha visto al  secondo posto Alfredo Colitto con I discepoli del fuoco (Piemme), terza Grazia Verasani con Di tutti e di nessuno (Kowalski) e quarti a parimerito Elisabetta Bucciarelli con Io ti perdono (Coloradonoir/Kowalski) e Massimo Carlotto con L’amore del bandito (Edizioni e/o).

Chi ha ucciso Carlo Lucarelli?

Officine Wort e Carlo Lucarelli.net in collaborazione con Bacchilega Editore lanciano un
Romanzo Totale: nove capitoli da scrivere insieme agli scrittori che vorranno cimentarsi in questo gioco letterario. Protagonista del Romanzo sarà Carlo Lucarelli, uno scrittore del mistero fra i più conosciuti in Italia che si troverà al centro, suo malgrado, di un mistero.
La partenza del progetto è fissata per il 26 ottobre, giorno del 50° compleanno di Carlo Lucarelli. In quel giorno verrà pubblicato l'antefatto sui siti Officine Wort, Thriller Magazine e Kay Zen.
Trovate i dettagli del progetto nel sito di Officine Wort

La gabbia criminale di Alessandro Bastasi in arrivo

In attesa che a metà ottobre esca il secondo romanzo di Alessandro Bastasi, La Gabbia criminale (Eclissi Editrice), ecco la copertina e le date delle prime presentazioni:

- 22 ottobre: ARCI50 Corvetto (via Benaco, 1 – Milano), ore 19:00

- 6 novembre: festival letterario di Trieste

- 13 novembre: PuntoPero – Incontri con gli autori (strada Sempione, 70 – Pero), ore 10:45. Con Riccardo LAGORIO, che presenta “Guida alle meraviglie golose d’Italia – Prelibatezze on the road 2010-2011” ( Vallardi Editore ) e Massimo CASSANI che presenta “ Un po’ più lontano ” (Laurana Editore )

lunedì 27 settembre 2010

Bookavenue Book Festival 2010

Sono ufficialmente aperte le adesioni al Bookavenue Book Festival 2010, seconda edizione del primo festival online delle letterature organizzato da Bookavenue.
Presentazioni, incontri, interviste: tutto ciò che va a comporre un festival letterario, ma in questo caso si svolge interamente sul web, in una città ideale che ospiterà gli autori aderenti, chiamati tra il 14 e il 17 ottobre a raccontare di sè e dei propri libri.
La prima edizione, lo scorso anno, ha presentato 20 autori raccogliendo 15.000 visitatori in pochi giorni.
Per aderire al Festival è sufficiente seguire le semplici istruzioni che si trovano nel sito
Avanti, che aspettate?

Debutta Mafie in pentola

“Mafie in pentola- Libera terra il sapore di una sfida” è il racconto di un viaggio all’interno delle cooperative dove si realizza questa trasformazione. Uno spettacolo teatrale che si fonda sulla speranza e sulla rinascita, perché la terra non smette mai di
rigenerarsi, basta concederle la possibilità. Ed ecco che nella Piana di Gioia Tauro, dagli ulivi abbattuti dalla ‘ndrangheta per ricavarne legname e non cederlo alle cooperative, si originano quei polloni che daranno l’olio della speranza; ecco i vigneti bruciati dalla sacra corona unita in Puglia che tornano a fiorire e a regalare un grande vino; ecco in Sicilia l’affermazione di un’agricoltura che rompe il muro delle regole mafiose e versa finalmente i contributi ai lavoratori.
“Mafie in pentola”, monologo interpretato dall’attrice Tiziana Di Masi, debutta in occasione della consegna del premio Artusi a don Luigi Ciotti, fondatore dell’associazione Libera – Associazioni, nomi e numeri contro le mafie, che assisterà alla rappresentazione.
Lo spettacolo va in scena a Forlimpopoli, teatro Verdi, sabato 9 ottobre alle ore 15.30 (ingresso libero fino a esaurimento posti).
Scritto dal giornalista Andrea Guolo, “Mafie in pentola” intende creare un collegamento tra teatro civile e gastronomico. È, in ultima analisi, uno spettacolo sul gusto e su alcune tra le eccellenze del nostro settore agroalimentare.
“Mafie in pentola” non vuole “chiudere” lo stomaco dello spettatore, bensì stimolare una “fame” di legalità e di cose buone.

Nella foto: “Estate Liberi”, attività di volontari nei terreni delle cooperative in Sicilia (credit Federico Tovoli)

venerdì 24 settembre 2010

Fun Cool: un racconto in una frase

Quinta edizione per il Fun Cool, il concorso letterario più veloce del web.
Infatti per partecipare basta scrivere una frase sola, non importa quanto lunga o corta, l'importante è che non ci siano punti in mezzo e che racconti una storia. Il tutto entro domenica 3 ottobre.
Per istruzioni, dettagli e deliri dell'ideatore gelostellato leggete nel suo blog

Dal Gambero Nero a Sapori Reclusi

La mostra fotografica itinerante “Dal Gambero Nero a Sapori Reclusi”, del fotografo Davide Dutto, sarà esposta nel ristorante Il Verso del Ghiottone di Roberto Campogrande e Gilberto de Maria dal 29 settembre al 10 ottobre. L’inaugurazione, prevista per il 29 settembre dalle ore 20.00, sarà occasione di incontro tra il fotografo, i cuochi che hanno partecipato al laboratorio foto-gastronomico tenuto presso la casa circondariale Don Soria di Alessandria l’inverno scorso, ed il pubblico.
Un rinfresco 'ghiotto' sarà gentilmente offerto dal ristorante.
La mostra è proposta dall'associazione Sapori Reclusi, il cui scopo è appunto quello di favorire la comunicazione su temi nascosti e difficili da raggiungere. Lo stesso spirito è quello cha ha spinto Gilberto Demaria e Roberto Campogrande ad insegnare cucina in carcere e, soprattutto, ad ospitare la mostra.
La mostra propone 60 scatti di due diversi progetti: “Il gambero nero”, libro di ricette galeotte e fotografie scattate all’interno del carcere di Fossano, Cuneo e “Sapori Reclusi”, laboratorio fotogastronomico tenuto da Davide Dutto e dai cuochi Guido Alciati, Davide Palluda, Flavio Ghigo, Andrea Ribaldone, Paolo Reina, Gilberto Demaria e Roberto Campogrande presso la casa circondariale Don Soria di Alessandria. La vendita del libro "Il Gambero Nero" contribuisce a sostenere l'associazione Sapori Reclusi.

Corpi Freddi - Itinerari Noir 2.0

Per otto sabato consecutivi Enzo "BodyCold" Carcello di Corpi Freddi e Alessandra Buccheri di Angolo Nero presenteranno vari autori nel ciclo di incontri "Corpi Freddi - Itinerari Noir 2.0 - Roma 2010" che si terranno alla Libreria Rinascita Ostiense (via Prospero Alpino, 48 - Roma).
Questo il calendario:

09 Ottobre - Marilù Oliva presenta ¡Tú la pagarás! (Elliot, 2010)

16 Ottobre - Tecla Dozio presenta Eugenio Tornaghi con Il debito dell'ingegnere e dibattito sull' Editoria Italiana (Todaro Edizioni)

23 Ottobre - Maurizio de Giovanni presenta Il giorno dei morti (Fandango, 2010)

30 Ottobre - Luigi Bernardi e Antonio Paolacci presentano Fuoco sui miei passi e Accelerazione di gravità  + Dibattito Letterario (Senza Patria Edizioni)

06 Novembre - Cristina Zagaria presenta Malanova (Sperling & Kupfer, 2010)

13 Novembre - Enrico Pandiani presenta Troppo Piombo (Instar Libri, 2010)

20 Novembre - Alberto Custerlina presenta Mano Nera (Baldini Castoldi Dalai, 2010)

27 Novembre - Elisabetta Bucciarelli presenta Ti voglio credere (Kowalski - Colorado Noir, 2010)

Dopo gli incontri, "pizzata" con autori, presentatori e amici presso la pizzeria "Il Pettirosso", convenzionata con l'iniziativa (antipasto, pizza, dolce o frutta, caffè o amaro, 15 euro), previa (attenzione!!) prenotazione e salvo verifica, di volta in volta, della disponibilità degli autori presenti.

Per info: 393-5187142 - mail: bodycold@corpifreddi.com

giovedì 23 settembre 2010

Continua la campagna dei Mulini a Vento contro la Legge sul prezzo del Libro

La “legge Levi” attualmente in discussione al Senato, dopo una prima approvazione nel luglio scorso alla Camera, non ha a cuore né l’interesse del libro e della cultura, né quello dei librai o degli editori, ma esclusivamente quello dei grandi gruppi editoriali e delle catene libraie (che appartengono agli stessi gruppi), che vogliono proteggersi dalla Grande Distribuzione.
Perciò Mulini a Vento continua a portare avanti la campagna contro la Legge sul prezzo del Libro avanzando proposte concrete d'azione.
Le potete leggere nel loro blog

mercoledì 22 settembre 2010

Un premio a Michele Marziani per La signora del caviale

Meritato riconoscimento al romanzo La signora del caviale per Michele Marziani, che si è aggiudicato il secondo posto del premio giornalistico internazionale “La Camera di Commercio e la Provincia di Ferrara per l’agroalimentare, il turismo e l’ambiente”, rivolto a giornalisti, scrittori ed editori che attraverso la stampa, la radio o la televisione, abbiano fornito un particolare contributo alla diffusione della conoscenza, dell’immagine, del patrimonio naturalistico e culturale e dei prodotti della cultura enogastronomica ferrarese.
Assieme a Michele Marziani hanno ricevuto il riconoscimento Sarah Dunant (primo premio) con il romanzo “Le notti al Santa Caterina” e  il giornalista RAI Francesco Rositano con il servizio televisivo “Marinata addio?” dedicato alle anguille di Comacchio.

Per capirsi

Condivido in pieno questo post di Loredana Lipperini.
Da leggere.

martedì 21 settembre 2010

La passione per il delitto 2010

Sono di corsa in questi giorni, ma non posso fare a meno di segnalare una manifestazione che chi può non deve perdere.
La Passione per il Delitto Libri e autori tra giallo e noir:
Oltre 70 ospiti italiani e internazionali,Artisti per la Passione: 50 opere in mostra a Villa Greppi.Laboratori per bambini con presentazioni di libri, stage di illustrazione, spettacoli teatrali, letture di fiabe, lezioni di inglese, merende.Colazioni e aperitivi con gli autori.Esibizioni di Carabinieri e Guardia di finanza.Stage di cucina e percorsi di degustazione.Corso di scrittura creativa.Reading e performance di scrittori, poeti, artisti.Crime Story Slam.
Trovate programma e protagonisti qui.

lunedì 13 settembre 2010

Premio Azzeccagarbugli 2010: i finalisti

E' stata resa nota la rosa dei cinque finalisti del Premio Azzeccagarbugli 2010: Elisabetta Bucciarelli, Io ti perdono (Kowalski), Massimo Carlotto, L’amore del bandito (Edizioni e/o), Alfredo Colitto, I discepoli del fuoco (Piemme), Grazia Verasani, Di tutti e di nessuno (Kowalski), Marco Vichi, Morte a Firenze (Guanda).
Difficile scegliere eh?
In realtà tifo sentitamente per... (a titolo scaramantico non lo dico).
I cinque finalisti che saranno presenti Venerdì 1 ottobre alle ore 21, presso il Teatro della Società di Lecco, per la cerimonia di conferimento del Premio Azzeccagarbugli al romanzo poliziesco.
Per conoscere le motivazioni che hanno determinato la scelta dei Giurati leggete qui

Arriva la riedizione di Gambero Nero - Ricette dal Carcere

La casa editrice Cibele ha annunciato la ristampa del volume Gambero Nero - Ricette dal Carcere con fotografie di Davide Dutto e testi di Michele Marziani. La nuova versione, uscirà questo mese ed è arricchita da una nuova introduzione del giornalista e scrittore Michele Marziani.
“Certi libri sono sempre vivi se noi li manteniamo tali” spiega Davide Dutto sulla scelta di ripubblicare il libro, uscito nel 2005. “Cibele si sta impegnando in questo e io credo sia importante non negare la ristampa quando un libro ha ancora qualcosa da dire”. E questo è sicuramente il caso del “Gambero Nero”, poiché tratta le tematiche estremamente attuali del sovrappopolamento delle carceri e della mancanza di fondi per le attività educative.
Michele Marziani concorda e rilancia, ricordando come dal 2005, ovvero da quando i due autori hanno passato un anno intero gomito a gomito con i detenuti del carcere di Fossano, “la nostra vita è cambiata, ma non la vita nelle carceri. Il mondo non è diventato migliore. Anzi, è peggiorato. E la detenzione, non può non risentire di questo peggioramento. “
Il libro è in vendita sul sito di Cibele  e la vendita contribuirà a sostenere l’associazione
Sapori Reclusi.

sabato 11 settembre 2010

Cronache dell'Est

Sono state brevi ma intense le mie ferie. Niente spiagge assolate e abbronzature da record (vado fiera del mio pallore niveo), ma qualche giorno (troppo pochi purtroppo) alla scoperta di tre capitali affascinanti che mi hanno rapito il cuore.

Bratislava (di cui qui vedete il castello) piccola e giovanissima capitale con un clima da città di provincia e un centro storico curatissimo e molto grazioso.




Budapest, caotica, modaiola, in cui si leggono le ferite degli anni più bui, ma che conserva un fascino struggente e un po' nostalgico.









Praga, che ti rapisce in un incanto a cui non puoi sottrarti, ti imprigiona in un incantesimo e non vorresti andartene più.









Prossimamente il diario di viaggio... stay tuned!

Grande Romanzo Aperto SIC quasi al traguardo

Ebben sì, faccio parte anche io della squadra di autori che ha preso parte all'esperienza del Grande Romanzo Aperto del gruppo Scrittura Industriale Collettiva, detto più velocemente SIC. Siamo entrati nella fase conclusiva del lavoro: gli eroici (è proprio il caso di dirlo vista la mole di lavoro che stanno affrontando) fondatori del progetto si stanno adoperando per riunire in un racconto omogeneo e dare corpo alle 94 schede stesura composte in questi mesi.
Non vedo l'ora di vedere cosa ne nasce!

giovedì 9 settembre 2010

Accabadora di Michela Murgia

È intriso di nascite e morti Accabadora di Michela Murgia. Nascite e morti biologiche, ma non solo, perché ogni rinnovamento nella vita è una nascita e ogni legame spezzato, ogni ricordo seppellito, è una morte. Così la piccola Maria nasce davvero quando diviene fili'e anima della vecchia sarta Bonaria, vedova da talmente tanti anni che nessuno se la ricorda nemmeno più sposa felice. Siamo nell'immaginario paesino di Soreni, nella Sardegna degli anni'50, ancora legata alle tradizioni e al passato. Maria è l'ultima di quattro figlie di madre vedova e Bonaria la sceglie come figlia, la accoglie nella sua casa, la cresce con l'affetto di una madre, con più affetto della vera madre. Sembra tutto perfetto, finché Maria non scopre che Tzia Bonaria è l'accabadora, colei che mette fine alle sofferenze degli agonizzanti. La scoperta di questa realtà cambierà le prospettive di Maria, creerà uno strappo nel legame con Bonaria, inducendola persino a cercare di costruirsi una vita "sul continente". Ma la distanza invece che divederle sarà il mezzo per riavvicinarle ancora: perché "Tutt'a un tratto era come se fosse stato sempre così, anima e fili'e anima, un modo meno colpevole di essere madre e figlia".
Un libro intenso, duro e bello come la terra di cui racconta; una scrittura evocativa, essenziale e forte che entra dentro, smuove emozioni, regala poesia.

mercoledì 8 settembre 2010

L'ultima frontiera della tecnologia






Ecologico, accessibile, funzionale. Il futuro!!!!

Seconda edizione del concorso letterario Barbanoir

In occasione della rievocazione storica Il Barbarossa, che si svolgerà a Medicina (BO) il 18 e 19 settembre, Officine Wort, in collaborazione con Arcilettore di Imola, Pro Loco di Medicina e Comune di Medicina propone la seconda edizione del concorso letterario per racconti in lingua italiana Barbanoir.
La partecipazione al concorso è aperta a tutti, ogni autore potrà partecipare con un racconto inedito in lingua italiana a tema noir o mistery di lunghezza non superiore a 5000 battute, spazi inclusi. I racconti dovranno essere sviluppati a partire da un tema assegnato, che avrà attinenza con l’evento sul Barbarossa e rispettare alcuni vincoli che saranno resi noti ai partecipanti secondo due modalità:  coloro che interverranno alla festa il 18 e 19 settembre troveranno in piazza Garibaldi la postazione del BarbaNoir (dalle ore 19 alle ore 22) dove
riceveranno dai notabili del concorso una pergamena contenente i vincoli a cui la narrazione dovrà attenersi. In quella occasione saranno loro consegnate delle monete storiche a ricordo della manifestazione e un omaggio. Per coloro, invece, che non potranno intervenire alla festa, i vincoli a cui la narrazione dovrà attenersi saranno resi noti sul sito di Officine Wort il successivo martedì 21 settembre alle ore 22. I racconti dovranno essere  inviati a mezzo e-mail entro le 24 di martedì 5 ottobre (farà fede l'indicazione dell'header di posta elettronica) al seguente indirizzo barbanoir@officinewort.it
Qui i dettagli del concorso.

martedì 7 settembre 2010

Troppe donne per un delitto di Annalucia Lomunno

Un uomo tutto muscoli e poco cervello, amato e conteso dalle donne, morto avvelenato. Una provincia superficiale, pettegola, maligna e superficiale. Donne false, calcolatrici, pericolose. Uomini ottusi e manipolabili. Un giallo di Agatha Christie? No, di Annalucia Lomunno. Siamo in una piccola cittadina pugliese, dove lo sport principale è impicciarsi e malignare dei fatti altrui. Non è immune nemmeno il commissario di polizia Antonia Veloce, che al contrario del nome è un po' lenta a cogliere connesioni e indizi, ma tant'è: lei fino a poco tempo prima lavorava all'Inps... poi ha vinto un concorso ed eccola alla sua prima indagine. L'occasione più guappa della sua vita, come dice Antonia, un modo per mettersi in buona luce col pubblico ministero Gianpaolo Mareggi che le piace assai. Per fortuna che il suo collaboratore Ago e la sorella Sabina che la aiutano a districarsi nei meandri dell'omicidio: chi ha avvelenato con un peperone sott'olio il bel Giacinto Catenaccio? I sospettati sono tanti, persino Maddalena che non si sa se sia morta o solo scomparsa nel nulla. Antonia un po' si diverte, immersa fino al collo nei pettegolezzi e negli intrighi dei suoi concittadini, un po' si sente inadeguata e incapace di svolgere questo nuovo lavoro accettato di malavoglia. Ma arranca sui tacchi altrissimi fino alla soluzione del caso, che riserva non poche sorprese.
Gli ingredienti per una lettura divertente e coinvolgente ci sono tutti, abbinati ad una scrittura veloce e atipica, che in un primo momento può spiazzare leggermente, in terza persona e tutta al tempo presente com'è, con frasi brevi e brusche. Alla voce narrante poi si intrecciano altre voci: quella misteriosa della scomparsa, le riflessioni di Antonia. Ne risulta un romanzo ritmato e godibile, che fa il verso alla piccola borghesia dipingendola in modo ridicolo e grottesco.

lunedì 6 settembre 2010

Il Campiello a Michela Murgia

Ho letto Accabadora di Michela Murgia in tempi non sospetti, quando ancora nemmeno era uscita la cinquina finalista del Campiello. Da tempo seguo il blog della Murgia, ho apprezzato "Il mondo deve sapere" in cui ha raccontato le proprie disavventure come addetta al call center della Kirby, ritengo la sua scrittura incisiva e coinvolgente. Accabadora mi ha catturatto, avvolto, conquistato. Non ne ho scritto la recensione, perchè non mi sentivo ancora pronta per raccontarlo agli altri: mi capita a volte di dovere sedimentare un libro per mesi e mesi prima di sentirmi pronta a parlarne. Avvertivo come un senso di inadeguatezza, temevo di sminuirlo, visto anche il tema spinoso che tratta. Sono contenta che Michela abbia vinto il Campiello. Se lo merita totalmente. Sono contenta come se lo avesse vinto una mia amica. Anche se non ci conosciamo. Ci siamo scambiate due parole (nel senso proprio di due) a Femminile molto singolare, la bella manifestazione organizzata da Paola Pioppi,  ma nemmeno si ricorderà di me: le facevo i complimenti per il blog, lei cortesemente mi ha ringraziato, ma chissà quante persone che si complimentano incontra.
Credo sia molto importante questa vittoria di Michela, non solo perchè è un apprezzamento del suo valore come scrittrice. Ma anche perchè in mezzo al velinismo imperante, ad un maschilismo sempre più gretto ed offensivo, vedere riconosciute l'intelligenza e la capacità di una donna vera, concreta e coerente fa bene al cuore.

Nessun rimorso di Melita Vicini Mantero

Secondo romanzo con il rude e affascinante commissario ligure Argo Sanniti come protagonista, Nessun rimorso conferma le capacità narrative di Melita Vicini Mantero.
Stavolta l'ex comandante dei "nocs" ora in servizio a Genova Nervi, ha a che fare con un omicidio che nel giro di qualche giorno diviene duplice e coinvolge due amici ricchi e gaudenti sullo sfondo della Genova bene, fatta di professionisti, yaght e divertimenti poco leciti. Coadiuvato dall'inseparabile amico e collega Gianni Parodi,  e dall'inaspettata collaborazione della teutonica signora Giovanna Conte, il commissario Sanniti riuscirà a dipanare l'intricata matassa dell'indagine, e anche quella della propria vita.

sabato 4 settembre 2010

Avorio di Matteo Gambaro

Non sono una lettrice di horror, anzi per dirla tutta credo che Avorio sia uno dei pochi libri di letteratura horror che sono riuscita a terminare. Prima di tutto perchè è ben scritto, perchè sa ricreare atmosfere agghiaccianti senza scadere nello splatter - che a volte bastano le parole giuste per fare correre il brividino lungo la schiena anche senza scendere in dettagli truculenti e racapriccianti. Sicuramente anche la formula dei quattro racconti, legati assieme da un protagonista comune, il caccia vampiri agente speciale Carnielli,  alleggerisce il tutto. Ebbene di vampiri si racconta ma niente a che vedere con i bei tenebrosi glamour alla moda di Twilight: qui si tratta di succhiasangue nostrani, inurbati e ben nascosti, della cui esistenza intuiamo leggendo le vicende di Carnielli, ma che Matteo Gambaro ha deciso di non mettere sotto i riflettori come protagonisti principali. Presenze inquetanti come ombre silenzione che però sono il motore delle quattro storie di cui si compone il volume. Da leggere tutto d'un fiato, magari non di notte e da soli se si è deboli di cuore.

giovedì 2 settembre 2010

Il Letterario Po

E' nato un nuovo festival, Il Letterario Po, in programma da giovedì 30 settembre a domenica 3 ottobre 2010 in due luoghi della Bassa Parmense: l’Antica Corte Pallavicina a Polesine Parmense e il Museo del Mondo Piccolo di Guareschi, a Fontanelle di Roccabianca.
Il festival si aprirà giovedì 30 settembr celebrando un grande narratore del Po, Gianni Celati, con la presentazione di Riga 28: il numero della collana di monografie realizzata dall’editore Marcos Y Marcos, dedicata allo scrittore, a cura di Marco Belpoliti e Mario Sironi. L’incontro, in programma alle 21, sotto le architetture di culatelli dell’Antica Corte Pallavicina, vedrà la partecipazione di alcuni tra gli scrittori che hanno collaborato al saggio.
Venerdì 1 ottobre,  è Il mondo di Giuseppe Pederiali a schiudersi davanti agli spettatori, raccontato da lui stesso e da Giovanni Negri, autore del libro vincitore del Premio Italia. L’appuntamento è al Museo del Mondo Piccolo di Giovannino Guareschi. Sabato 2 e domenica 3 ottobre il festival torna all’Antica Corte Pallavicina con un programma tra letteratura e cibo del Grande Fiume. Sabato alle 11 sarà presentato Il coraggio e la pianura di Claudia Alfieri; nel pomeriggio alle 15,30 presentazione del libro L’oca in dal bronson di Laura Zilocchi, a cui farà seguito la proiezione del film-documentario Alla ricerca del Grande Fiume.
La sera sarà dedicata ad una cena letteraria dove Massimo Spigaroli, chef e patron dell’Antica Corte Pallavicina, presenterà la cucina della Bassa, quella stessa oggetto del libro di Andrea Grignaffini, Enrico Sisti e Giorgio Grignaffini, La dispensa di Don Camillo, che sarà presentato in apertura di serata.
Domenica alle 11 si parlerà del libro Il ponte delle maravegie di Gabriele Franceschi, mentre al pomeriggio alle 16 Michele Marziani chiuderà la prima edizione del festival con una conversazione a tutto tondo sui suoi libri Lungo il Po e La signora del caviale.
A parte la sera del sabato, in cui vi sarà una vera e propria cena, tutti gli appuntamenti saranno chiusi da una piccola degustazione dei prodotti dell’Antica Corte Pallavicina, nel cuore della zona di produzione del salume del Po per eccellenza, il Culatello.
All’Antica Corte Pallavicina, saranno allestite anche due mostre. Una di disegni a matita, Il Po in bianco e nero e in punta di matita, di Antonio Gatti e una di fotografia, con vari artisti, dal titolo Acque.

martedì 31 agosto 2010

Il paese dei filosofi con gli stivali di Laura Frassetto

Laura è una giovane antropologa che ha già diversi viaggi impegnativi alle spalle: esperienze di volontariato e lunghe permanenze in Kenya, Marocco, Polinesia Francese e Messico. E' questo il suo luogo del cuore", quello che ha deciso di raccontare ne Il paese dei filosofi con gli stivali. Che pare un romanzo, ma non lo è. A metà tra un diario di viaggio e una storia d'amore, questo libro frizzante, allegro e colorato come i luoghi di cui parla, è la cronaca di un viaggio che ha significato molto per Laura Frassetto visto che in Messico, oltre a scoprire paesaggi suggestivi, siti ricchi di storia, tradizioni interessanti o curiose, ha conosciuto l'uomo che in seguito è divenuto suo marito. Un racconto vivido e coinvolgente che trasmette ai lettori tutta la passione di Laura per un paese affascinante e ricco di contraddizioni e fa nascere il desiderio di preparare la valigia e volare in Messico!

Son tornata

In realtà è un po' che sono tornata ma ripiombare nel lavoro è stata dura. E poi ho tante cose per la testa: un nuovo libro, anzi due. Un nipotino bellissimo di sette mesi (grazie sorella) che in questi giorni è spesso ospite a casa mia (non ero più allenata coi bebè, è passato troppo tempo da quando mio figlio più piccolo era in fase pannolino). E tanti progetti da meditare e mettere in pratica. Poi sì, lo ammetto, una parte del mio cuore e dei miei pensieri è ancora lì, tra Bratislava e Praga, due città che mi hanno conquistato.
Passate di qui nei prossimi giorni perchè vi racconterò dei tanti bei libri che ho letto e dei prossimi eventi interessanti che coloreranno questo ultimo scampolo d'estate e l'autunno.

lunedì 23 agosto 2010

GialloLuna NeroNotte: largo ai vampiri!

Qualche anticipazione sull'edizione 2010 del festival GialloLuna NeroNotte che si svolgerà a Ravenna dall’1 al 10 ottobre proponendo al pubblico più percorsi. Il primo sarà dedicato ai ragazzi, con la conclusione del corso “GialloLuna va a scuola” e la premiazione dei migliori racconti realizzati dagli studenti del Liceo Classico ravennate. Il secondo percorso proporrà invece l’avvio di una serie di iniziative di solidarietà, partendo dalla presentazione di una raccolta di racconti. Infine, si arriverà a volgere lo sguardo sulla narrativa ‘di paura’, o gotica, partendo dai vampiri, simbolo ‘nobile’ dei non-morti. Il tutto presentato al pubblico attraverso incontri con gli autori, mostre, concerti, cene con delitto, conferenze, iniziative editoriali di solidarietà che prenderanno vita in vari luoghi di Ravenna e, per la prima volta, anche a Forlì.
Fra gli ospiti la scrittrice statunitense Colleen Gleason, autrice di una saga ambientata nell’Ottocento con al centro una famiglia di cacciatori di vampiri, e il poliedrico Andrea Mingardi, con il suo primo legal thriller ambientato fra Bologna e Ravenna, Un biglietto per l’aldilà (Edizioni Pendragon). Un appuntamento sarà dedicato agli autori “gialli” nostrani che vedrà protagonisti Mario Scarponi (Jack, Edizioni del Girasole), Fabio Gavelli (La terra bruciata del Passatore, Diabasis) e Silvio Gambi (La spada di Guidarello, Danilo Montanari Editore).
Il cartellone degli incontri si completerà con alcuni momenti scientifici, tra cui uno sul tema “Il mistero di Caravaggio”, al quale parteciperanno Silvano Vinceti, Carlo Lucarelli ed Eraldo Baldini, ed uno dedicato a vampiri, archeologia, ‘ritornanti’ grazie alla collaborazione dell’archeologa Giovanna Montevecchi e l’intervento dello storico Luca Cesari.

martedì 10 agosto 2010

Chiuso per ferie

Se non rispondo ai vostri commenti e non scrivo post non preoccupatevi... sono finalmente in ferie!
Torno il 24 agosto.
A presto!

domenica 8 agosto 2010

Crime Story Slam

Il festival di narrativa poliziesca La passione per il delitto, in collaborazione con la libreria Area Libri di Seregno, organizza il Crime Story Slam: una gara di brevi racconti, da leggere in 5 minuti, in cui gli autori finalisti, selezionati da una giuria tra coloro che parteciperanno, leggono sul palco i propri scritti e competono in diretta, fino alla proclamazione del vincitore assoluto.
I racconti possono essere su qualsiasi soggetto purché legato al tema della manifestazione, e in qualsiasi stile.
Ogni autore deve presentare un solo testo, rigorosamente originale, che deve avere una durata non superiore ai 5 minuti di lettura.
Il tempo sarà calcolato e cronometrato dal momento in cui inizierà la vera e propria lettura davanti al pubblico. Sono previste penali in termini di decurtazioni di punti – 1 punto ogni 30 secondi - per chi supera il limite di durata: i tempi saranno cronometrati dall’arbitro di gara. Ogni autore può arricchire il proprio reading con accompagnamenti musicali (purché svincolati da obblighi Siae) o soluzioni scenografiche. La partecipazione è aperta a tutti: lettori, scrittori, giornalisti, appassionati, di qualsiasi età. Non sono previste suddivisioni dei partecipanti in categorie particolari.
Gli scritti devono essere inviati entro il 30 agosto 2010 all’indirizzo e-mail redazione@lapassioneperildelitto.it, con oggetto “Crime Story Slam”.
Una giuria composta da sette membri – tre rappresentanti della libreria Area Libri, due rappresentanti del festival e due tra scrittori, giornalisti o critici letterari - voterà entro il 25 settembre 2010 i racconti prevenuti, selezionando i 15 che accederanno alla finale, prevista domenica 10 ottobre 2010, durante l’ultima giornata del festival La passione per il delitto. La classifica dei finalisti sarà pubblicata a partire dal 28 settembre 2010 sul blog del festival, e inviata attraverso la newsletter. Entro fine agosto, con le stesse modalità, saranno inoltre comunicati i nomi dei membri della giuria.
Domenica 10 ottobre i finalisti leggeranno al pubblico i loro racconti, suddivisi in gruppi da 5 concorrenti. A rotazione dieci persone del pubblico selezionate a sorteggio, voteranno i lavori dei concorrenti, fino a selezionare tre finalisti che si affronteranno nella tornata finale. Al vincitore e ai finalisti sarà consegnato il giorno stesso un attestato, e assegnati premi in libri e omaggi messi a disposizione dagli sponsor della manifestazione. I tre racconti saranno inoltre pubblicati sul sito del festival.

sabato 7 agosto 2010

Editori contro la nuova legge sul prezzo del libro

E' nato un nuovo blog che combatte per cambiare la nuova legge sul prezzo del libro in cui è possibile seguire tutti gli sviluppi della battaglia che il gruppo di editori indipendenti formato da instar libri, Iperborea, Marcos y marcos, minimum fax, nottetempo e Voland hanno ingaggiato contro la legge Levi, una protesta a cui hanno aderito importanti editori indipendenti come Sellerio, Donzelli, Il Saggiatore, Marco Tropea, editrice zona, Meridiano Zero e Book editor.
"Questa sulla legge del prezzo del libro - scrivono sul blog - è una battaglia di sopravvivenza per le case editrici indipendenti e per i librai che non appartengono alle grandi catene, ma è anche una battaglia che riguarda tutti i lettori che non vogliono che l'offerta culturale venga appiattita e che i libri vengano trattati alle stregua di merci all'ingrosso da consumare e buttare via."

venerdì 6 agosto 2010

Gian Andrea Rolla presenta Il funerale della balena

Il 10 agosto alle ore 21.30 in Piazza Garibaldi a Lerici Gian Andrea Rolla presenterà il suo romanzo Il funerale della balena edito da I sognatori. A chiacchierare con Rolla del suo nuovo libro saranno l'editore Aldo Moscatelli e Nadia Zapperi, curatrice della rivista lettearia on line Scrigno.

giovedì 5 agosto 2010

Michele Marziani a CicloPoEtica e Argenta

Due appuntamenti con Michele Marziani la prossima settimana.
L'8 agosto Michele parteciperà all'evento itinerante CicloPoEtica. Assieme ai poeti Isabella Bordoni e Paolo Vachino sarà a Ferrara, alle 18,00, a Palazzo Bonacossi, a leggere brani dei suoi libri Umberto Dei. Biografia non autorizzata di una bicicletta, Lungo il Po e La signora del caviale.
Il 10 agosto con il fotografo Marco Salzotto sarà ad Argenta (Ferrara), al Museo della Bonifica, ore 21, a presentare Sovversivi del gusto - volume 2, all'interno di un raduno dei Sovversivi di gusto organizzato dal Comune con la complicità di Mirco Mariotti.

mercoledì 4 agosto 2010

Devis Bellucci: lo scrittore-sandwich

C'è chi per promuovere il proprio libro fa spamming ovunque e dovunque, chi si inventa presentazioni insolite, chi perseguita parenti/amici/vicini finchè non acquistano una copia... E chi invece ha delle idee davvero originali e interessanti, direi romantiche nel senso più compiuto del termine. Come Devis Bellucci che si fotografa nei più disparati luighi d'Italia e d'Europa indossando, come un uomo-sandwich, la copertina del suo libro. Ecco cosa scrive per raccontare la sua esperienza.

Per far conoscere il mio libro “L’inverno dell’alveare” (A&B Editrice) ho iniziato a girare l’Italia come uomo sandwich. Davanti mi porto la copertina e dietro la quarta, prezzo incluso. Lo scopo? Non l’hanno fatto in molti, quindi voglio essere del gruppo. Voglio tirarci fuori un percorso fotografico. Voglio attraversare gli orizzonti del mio paese con una storia sulle spalle. Questo rispecchia l’essenza del libro: il viaggio e la scoperta al di là del sentire comune, quello dell’alveare. E poi la favola, la poesia. Attraverso come Uomo Sandwich i luoghi deserti, secondo un percorso scelto ad hoc: le stradine di campagna, le valli, le spiagge, dalla Francia alla Slovenia sino al Sud. Non mi interessa che la gente mi veda e non mi interessa che sul momento mi noti. Mi interessano solo le fotografie, un po’ come il nano del “Fantastico mondo di Amelie”. Nelle piazze delle città, dove cammina la gente, mi svesto del cartone e appoggio il sandwich a terra. Sistemo sul cartone una candela accesa mentre la gente passa, con lo sfondo di Roma, Firenze, Torino, Siena, Napoli… Qui, tra la gente che scorre e non ti guarda, la voce dello scrittore è leggera, sottile e inutile come una candela accesa di giorno.
Infine, il dilemma. Qualcuno oserà mai chiedermi “Che cosa stai facendo?”. Per ora nessuno. Mi guardano e tirano dritto. A Roma, Firenze, Torino, Siena, Napoli… Sono incuriositi ma tirano dritto, mentre tra la folla faccio le foto al mio sandwich con la candela accesa. Così, viaggio dopo viaggio, le immagini diventano metafora della storia che racconto.

Trovate tutte le foto del suo viaggio su Facebook alla Pagina “Uomo Sandwich”, aggiornata in tempo reale con le tappe.

Foto tratta da Uomo Sandwich

martedì 3 agosto 2010

A passi incerti di Grazia Frisina

Racconta una vicenda delicata e allo stesso tempo dura, difficile "A passi incerti" (Mauro Pagliai Editore, 2009), il primo romanzo di Grazia Frisina che ha come protagonista Emilia, giovane affetta da SLA. A causa della malattia Emilia è confinata su una sedia a rotelle e si è autosegregata in casa perchè il contatto col mondo esterno la spaventa, la infastidisce.
In realtà è completamente autosufficente ma gli sguardi pietosi della gente sono per lei un ostacolo ben più invalicabile dei marciapiedi malridotti e degli scalini. Il suo mondo così è circoscritto alla madre e alla sorella - che spesso fanno da parafulmine ai suoi malumori - e a qualche raro amico. Unico sfogo, unica passione che la coinvolge e la sprona è la poesia: inizialmente scrive solo per sè, poi pian piano imparerà a condividere i suoi versi anche con gli altri. E proprio grazie alla poesia troverà la strada per uscire dalla sua gabbia dorata, per smettere di indugiare nell'autocommiserazione, per aprirsi agli altri.
Grazia riesce a raccontare la storia di Emilia senza facili stereotipi e buonismi, presentandola con i suoi pregi e con i suoi tanti difetti. Mettendo in evidenza che a volte la malattia rende malevoli con chi ci sta intorno e ci vuole bene. Insomma dando vita ad un personaggio estremamente umano e per questo nè completamente positivo nè completamente negativo.
Poetessa "convertita" alla narrativa, nel senso che questo romanzo è la sua prima prova letteraria "in prosa", tra l'altro ottimamente riuscita, Grazia lascia traccia dei suoi intensi versi anche tra le pagine di questa storia.

Qui l'intervista all'autrice

lunedì 2 agosto 2010

Bologna 2 agosto 1980: non dimentichiamo

C'è chi vuole silenzio su un crimine efferato. Ma noi no. Non dimentichiamo.
Bologna 2 agosto 1980: la strage.
Lo speciale sul Repubblica

martedì 27 luglio 2010

La Collina dei Piaceri a Torriana

Decima edizione, il 28, 29 e 30 luglio, per la Collina dei Piaceri di Torriana, goloso ed interessante evento enogastronomico dell'estate riminese. Nel ricco programma è incluso anche uno spazio libri all'interno del giardino del ristorante Povero Diavolo dove verrà affrontato un solo tema con tre scrittori: perché scriviamo intorno al cibo. Una sorta di confessione riguardo al proprio lavoro guidata dal critico Paolo Vachino.
La sera di mercoledì 28, alle 21,00, sarà Graziano Pozzetto a raccontare il proprio appassionato lavoro che si concretizza con quasi un volume all'anno, per i tipi dell'editore riminese Massimo Panozzo, dedicato alla salvaguardia dei buoni sapori della Romagna.
Seguirà, giovedì 29, Piero Meldini, penna storica, attenta e puntuale, intinta spesso nel cibo e altrettanto nella narrativa, a volte in mescolanza di saperi e di sapori.
La sera del 30 luglio, la parola andrà a Michele Marziani che racconterà del suo prossimo viaggio gastronomico sulle orme dello scrittore Fabio Tombari dal Montefeltro alle terre di Frusaglia.

mercoledì 21 luglio 2010

Literary Camel Trophy il concorso letterario di Bookavenue

Ha appena preso il via Literary Camel Trophy il concorso letterario di Bookavenue che premia le recensioni dei lettori.
Fino alla la mezzanotte del 31 agosto 2010 è possibile inviare le proprie recensioni (non ci sono limiti di battuta) a bookavenue@bookavenue.it
Dall'1 al 15 settembre gli editori del sito: Alberto Bevilacqua e Giorgio Saponaro, sceglieranno a loro insidacabile giudizio i primi tre classificati.
Tutti gli aticoli saranno messi on line il giorno 16 settembre nelle pagine dedicate.
Il giorno 16 settembre 2010 saranno messi on line i tre articoli finalisti e parteciperanno al voto popolare dei lettori del sito per la designazione di primo classificato vincitore del concorso.
Per ulteriori informazioni qui

martedì 20 luglio 2010

Viole(n)t Red. Rosso violetto, rosso violento di Laura Costantini e Loredana Falcone

L'ineffabile coppia Costantini/Falcone si misura con il noir. Un noir bollentissimo e crudo. Tutto ruota attorno ad una tonalità di rosseto, il Violet Red, appunto. Un rosseto lussuoso, di gran marca, che a Chicago marchia indelebilmente le labbra di uomini uccisi in modo atroce. Chi è che trasforma le proprie labbra tinte di rosso violento in una trappola letale? Chi è il serial killer? Perchè non c'è dubbio che di questo si tratta. La Squadra Vittime Speciali si trova di fronte ad un'indagine molto difficile e rischiosa.
Come per tutti i loro avvincenti romanzi anche Viole(n)t Red, scritto a quattro mani da Laura Costantini e Loredana Falcone, avvince sia per il ritmo sia per l'ambientazione ben
costruita e la caratterizzazione dei personaggi. Unico neo? Forse è un po' stereotipata l'ambientazione negli Stati Uniti. Secondo me se l'avessero ambientato in Italia sarebbe diventato un bestseller! 

domenica 18 luglio 2010

Una domenica come le altre di Paolo Ciampi

Inizia come tante giornate simili il pomeriggio da cui prende il via il racconto di Una domenica come le altre di Paolo Ciampi. Ma poi diviene un incubo con la corsa in ospedale, l'attesa fuori della sala operatoria senza avere notizie, e infine scoprire così, da una persona a caso, di passaggio, che uno degli affetti più importanti della vita non c'è più. La morte della madre credo sia una delle esperienze più devastanti che tutti noi, prima o poi, dobbiamo affrontare. Paolo Ciampi racconta come ha vissuto questa difficile e tragica esperienza, la rabbia, il dolore, l'incredulità, li sensi di colpa, la nostalgia, a sensazione di non essere riuscito a dirle tutto ciò che avrebbe voluto, l'ansia di non avere conosciuto davvero nel profondo una persona così vicina e così importante. Ma nel frattempo la vita deve continuare con i momenti tristi e pure con quelli allegri, con chi resta da consolare e i figli e da crescere. Così Ciampi, raccontando la storia del rapporto con sua madre prima e dopo la sua scomparsa alterna momenti di grande commozione o di ironia e lievità,  in un
susseguirsi di groppi in gola e sorrisi sulle labbra. Un romanzo intenso e vero che lascia la porta aperta alla speranza perchè - come recita la quarta di copertina - "nonostante tutto il
non detto e il non fatto c'è sempre una primavera dopo l'inverno".

venerdì 16 luglio 2010

La gabbria criminale: il giallo di Alessandro Bastasi in uscita ad ottobre

Sarà in tutte le librerie ad ottobre La gabbia criminale, il nuovo romanzo che Alessandro Bastasi pubblicherà con Eclissi Editore.
Dopo la prima buona prova con La fossa comune, Bastasi si dedica decisamente al giallo ma non rinuncia a qualche contaminazione storica.
La gabbia criminale è una storia corale che rimbalza tra presente e passato, l’affresco di un contesto sociale e di un’epoca non così lontana come sembra; i piani temporali si sovrappongono e si confondono, dando vita a un ritratto tanto accurato quanto impietoso della provincia trevigiana. La storia prende il via molti anni fa in un borgo alla periferia di
Treviso dove è stato commesso un atroce duplice delitto che ha lasciato una scia di dolore e di vergogna. Il colpevole - che fino alla morte si è professato però innocente - è già stato da tempo processato e condannato; pare tutto ormai ingoiato dall'oblio.
Ma Alberto, insegnante in pensione, torna a vivere a Treviso proprio nella casa dove aveva abitato nei suoi primi anni di vita, e dove viene aggredito dai fantasmi del passato che gli chiedono insistentemente di trovare la vera soluzione del giallo.
Legami di sangue intrecciati di segreti rancori, ipocrisie e finto perbenismo, vendette politiche e sociali non ancora del tutto consumate, riportano a galla atrocità commesse in un periodo storico in cui tanti delitti restavano impuniti e l’ingiustizia sollevava scarsa ribellione, costruendo intorno ai protagonisti una “gabbia criminale” dalla quale era difficile liberarsi.

Luna d'autunno di Enrica Corradini

Procede in bilico tra il genere gotico e la fantascienza Luna d'autunno, il romanzo breve di Enrica Corradini, medico all'esordio come scrittore. Gotico per le atmosfere cupe e inquietanti che avvolgono il protagonista, Altiero, stimato professore, che per venire a patti con un passato che lo tormenta cerca una sorta di paradiso artificiale. Qui scende in campo la fantascienza perchè la storia è ambientata in un futuro prossimo in cui non servono più le droghe chimiche o naturali, ma per astrarsi dai pensieri e dai sogni più tormentosi si ricorre ad avanzate tecnologie che manipolano la parte incoscia della mente. Ad esse ricorre Altiero sperando finalmente in una tregua, invece i ricordi più difficili da accettare riemergono assumendo una consistenza reale e tangibile. Un racconto psicologico e introspettivo che ben rende le angosce dell'anziano professore e l'illusione di sfuggire ai fantasmi del passato con cui prima o poi è inevitabile la resa dei conti.

giovedì 15 luglio 2010

Alessandro Bastasi presenta La fossa comune a Milano

In attesa dell'uscita del suo nuovo romanzo "La gabbia criminale" (Eclissi Editrice), prevista per il prossimo ottobre, lunedì 19 luglio, alle ore 19:00, Alessandro Bastasi sarà al locale "La Vineria" di Milano  a presentare il suo romanzo d'esordio "La fossa comune".

mercoledì 14 luglio 2010

Aquaticus a Porto Venere

Seconda edizione di Vari’Azioni Marine, manifestazione estiva di eventi e installazioni audio-visive d’arte diretta da Anna Maria Monteverdi a Porto Venere per la Regione Liguria in collaborazione con il Comune e il Parco Naturale di Porto Venere.
Quest’anno nell’unica giornata del 17 luglio si terranno due eventi: un’installazione sonora-marina originale di Mauro Lupone collegata con la chiusura pomeridiana del Canale a cura del Parco Naturale con la famosa “piscina naturale”, e un secondo evento serale nella stessa giornata che vedrà i Masbedo (ovvero Jacopo Bedogni e Nicolò Massazza), duo di video maker di fama internazionale in una installazione video live con Lagash dei Marlene Kuntz nel palco sotto San Pietro.
L’edizione 2010 si chiama Aquaticus e ha come simbolo cetacei e sirene.
I cetacei, grazie alla collaborazione del biologo marino Maurizio Wurtz, sono i protagonisti della installazione sonora Delphys di Mauro Lupone, affermato musicista elettronico, che ha creato originali boe sonanti a partire dai loro particolari vocalizzi. Come i delfini, animali sacri per i Greci, facevamo compagnia ai pescatori, così i suoni dei cetacei avvolgeranno in una dimensione sensoriale di immersività sonora, i nuotatori nella loro attraversata libera verso la Palmaria. Il mare diventa un immaginario delphinarium in cui ascoltare i vocalizzi modificati ad arte, dei cetacei che qui idealmente albergano in un loro santuario.
L'installazione è stata progettata da Lupone insieme a: Julio Hurrego (engineering design e realizzazione tecnica) Alessandro de Palma (logistica), Maurizio Chiocchetti (riprese video e documentazione fotografica)
Dopo il tramonto alle 21,30 arrivando sotto San Pietro si potrà scorgere una sirena seduta su uno scoglio con un fumogeno in mano: è l’immagine-simbolo dei Masbedo che regalano schegge di bellezza video al pubblico. Un grande schermo accoglierà infatti, le immagini live del video “Schegge d’incanto in fondo al dubbio” presentato alla Biennale di Venezia 2009 e girato al largo di Porto Venere con Sonia Bergamasco e Ramon Tarés della Fura dels Baus.
La sonorizzazione live sarà di Lagash dei Marlene Kuntz . L’opera video è una metafora dell’esistenza umana, eternamente in bilico tra sollevazione morale e discesa nelle profondità del proprio dramma esistenziale.

Info e prenotazioni: Paola Settimini 393.1536425

In corpore vili. Anatomia di una lettrice di Lorella Barlaam

E' un piccolo libro che avremmo potuto scrivere tutti, noi lettori compulsivi e onnivori, pronti a sfogliare e divorare qualsiasi genere letterario, per il semplice piacere di gustare parole, storie, idee. E' un libro che avremmo potuto scrivere tutti, dicevo, In corpore vili. Anatomia di una lettrice di Lorella Barlaam, ma sicuramente senza garanzie di risultato come invece è accaduto per l'autrice che  racconta efficacemente  il suo essere lettrice, il piacere e la ricchezza del leggere. E per raccontare utilizza brani tratti da libri che scrivono di altri libri, testimonianze di lettori che però sono anche scrittori. Insomma parla di libri attraverso i libri. Del suo rapporto con la lettura e con la parola scritta. Un libro interessante e utile per analizzare e approfondire, una volta tanto, non i libri che leggiamo ma come e perchè lo facciamo.

lunedì 12 luglio 2010

I cinque finalisti del Premio Azzeccagarbugli

Sono stati selezionati sabato 10 luglio, durante la serata a Villa Monastero di Varenna presentata da Alessandra Casella, i finalisti dell’edizione 2010 del Premio Azzeccagarbugli al Romanzo Poliziesco, promosso dalla Provincia di Lecco con il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Lecco. Il vincitore sarà proclamato venerdì 1 ottobre al Teatro della Società di Lecco, quando avverrà in diretta lo spoglio delle schede votate dai 100 lettori della giuria popolare, estratti a sorte tra oltre 400 che hanno effettuato l’iscrizione attraverso il sito del premio.
Ecco la classifica con i voti assegnati a ogni romanzo alla Giuria dei Letterati composta da Tullio Avoledo (presidente), Chiara Beretta Mazzotta, Raffaella Calandra, Gianfranco Orsi e Olga Piscitelli.

1. 20 voti – Massimo Carlotto, L’amore del bandito, Edizioni e/o
2. 17 voti – Marco Vichi, Morte a Firenze, Guanda
3. 15 voti – Elisabetta Bucciarelli, Io ti perdono, Kowalski
4. 14 voti – Grazia Verasani, Di tutti e di nessuno, Kowalski
5. 14 voti – Alfredo Colitto, I discepoli del fuoco, Piemme

Quest’anno il paese ospite della sezione narrativa straniera è la Germania. La giuria ha votato come migliore opera straniera in concorso Veit Heinichen, La calma del più forte, Edizioni e/o
L’autore sarà ospite della serata finale del Premio.
In occasione della serata finale sarà anche annunciato il vincitore della Sezione Raffaele Crovi, dedicata alla migliore opera prima in concorso.
I 5 finalisti incontreranno il pubblico a Villa Greppi di Monticello Brianza domenica 3 ottobre, durante la rassegna di narrativa poliziesca La passione per il delitto, la cui nona edizione si svolgerà dal 26 settembre all’10 ottobre.