mercoledì 14 luglio 2010

In corpore vili. Anatomia di una lettrice di Lorella Barlaam

E' un piccolo libro che avremmo potuto scrivere tutti, noi lettori compulsivi e onnivori, pronti a sfogliare e divorare qualsiasi genere letterario, per il semplice piacere di gustare parole, storie, idee. E' un libro che avremmo potuto scrivere tutti, dicevo, In corpore vili. Anatomia di una lettrice di Lorella Barlaam, ma sicuramente senza garanzie di risultato come invece è accaduto per l'autrice che  racconta efficacemente  il suo essere lettrice, il piacere e la ricchezza del leggere. E per raccontare utilizza brani tratti da libri che scrivono di altri libri, testimonianze di lettori che però sono anche scrittori. Insomma parla di libri attraverso i libri. Del suo rapporto con la lettura e con la parola scritta. Un libro interessante e utile per analizzare e approfondire, una volta tanto, non i libri che leggiamo ma come e perchè lo facciamo.

2 commenti:

giardigno65 ha detto...

lo cerco

Carla Casazza ha detto...

Poi fammi sapere :-)