giovedì 25 agosto 2011

I fuoriusciti di Michele Lupo

Sono sei i racconti irrisolti di ordinaria meschinità raccolti ne I fuoriusciti. Storie di fughe, ritorni e trascurabili vendette di Michele Lupo. Un pittore fallito, due sorelle antagoniste, un sacerdote in crisi, un uomo che indaga le proprie radici, un goffo libraio, una poetessa che rinuncia alle parole: si muovono tra piccole cattivere, tentativi di riscatto, tristi sconfitte. Sono loro i fuorisciti, i perdenti, quelli sempre un passo indietro agli altri per scelta o per destino, quelli che non hanno il coraggio di nuotare controcorrente e si accontentano di restare a galla, magari semplicemente "facendo il morto".
Michele Lupo ce li racconta con una scrittura asciutta, lineare, senza fronzoli inutili e per questo più efficace e diretta. Tratteggia storie ironiche ed amare, prive di un epilogo, con la necessaria realistica cattiveria che le rende verosimili ed attuali. Le storie che nessuno racconta perchè cosa vuoi raccontare? Quelle di serie B, che tanto ne succedono così ogni giorno e non ci fa più caso nessuno. "Insomma, non è una bella storia quella in cui sei sempre lì sul punto di farcela e non ce la fai mai. Non ti va di raccontarla."

Nessun commento: