mercoledì 11 luglio 2012

L'eclissato di Roberto Ritondale

Aldo Montesi è un uomo schivo, segnato da un'infanzia senza padre - di cui non sa nulla - e un'adolescenza che gli ha strappato anche la madre vittima di una sciagura aerea. Queste vicende lo hanno trasformato in anafettivo, incapace di intrecciare una relazione sentimentale adeguata e duratura. La sua grigia routine viene scossa dalle minacce della mafia con la quale lo zio che lo ha cresciuto, imprenditore coinvolto in loschi traffici, ha rapporti poco chiari. Costretto a rendersi irreperibile ne approfitta per scoprire qualche cosa di più sulla morte della madre e il silenzio reticente dello zio. Lo aspetta un turbolento viaggio tra Napoli, Palermo, Milano e l'India alla scoperta dei misteri di famiglia è soprattutto di sé stesso. Il finale di questa storia un pò giallo e un pò romanzo di formazione non è giusto svelarlo ma Aldo ne uscirà più adulto, generoso e consapevole, troverà le risposte ai suoi interrogativi e anche qualcosa di bello e inaspettato. Una storia intensa, coinvolgente e con un briciolo di suspance, che non guasta, scritta con ritmo, eleganza e ironia da Roberto Ritondale che merita l'attenzione di un editore di qualità.

giovedì 5 luglio 2012

Colazione con i Modena City Ramblers di Milvia Comastri

Non c'è bisogno di raccontare vicende insolite o particolari per tenere legato il lettore. Basta raccontare la vita, quella quotidiana, quella che si dipana attorno a noi e che in alcuni casi ci coinvolge. L'importante è raccontarla bene, con realismo e sensibilità, come fa Milvia Comastri nei dieci racconti di Colazione con i Modena City Ramblers (Historica Edizioni). Filo conduttore delle storie è il cambiamento, anzi i cambiamenti della vita: a volte inevitabili o imposti o voluti. E la maniera di accoglierli reagendo ad essi, facendo finta di ignorarli o accettandoli con coraggio.
C'è l'infermiere del reparto pediatrico-oncologico che vuole aiutare una madre sconfitta (Angelo dei bambini), e Francesco in attesa di due appuntamenti che cambieranno la sua vita in modo contrastante (Appuntamenti). Il ragazzo che sognava una vita totalmente diversa ma trova un appiglio per accettare la realtà (Antonio e l'odore del mare) e Davide che dalle ceneri (reali) della sua esistenza riesce a ricominciare da capo (Libri sull'acqua). E ancora, il mio preferito, uno struggente e delicato addio, I'm in the mood of love.
Così si arriva in fondo al libro e rimane un'idea: comunque vada, ci vuole coraggio per affrontare la vita, e benché tu sappia che "i sogni muoiono all'alba" puoi sempre aggrapparti al pensiero che - in fondo - l'alba per il momento è lontana.

martedì 3 luglio 2012

Tanatosi di Antonio Paolacci

C'è chi affronta le difficoltà prendendole di petto e chi preferisce scappare, sparire, magari fingersi morto. Come quegli animali che quando sono in pericolo si paralizzano immobili, simili a morti. Tanatosi è il nome di questa strategia di sopravvivenza. Una strategia adottata anche dal vecchio che vive da solo nella foresta: è sparito senza lasciare traccia trent'anni prima. Ma ora il figlio, che ha scelto la fuga come il padre, lo ha trovato.
È un ricongiungimento avaro di parole e affetto, ma utile a placare la rabbia di chi cercava una ragione, una risposta. Utile anche a capire che scappare non serve a nulla, nemmeno se tutto ciò che ti aspetta è una città allo sbando, dilaniata dalla violenza figlia di una crisi economica e sociale che ha tolto alle persone già vuote di valori la speranza.
Il racconto di Antonio Paolacci, che nella sua intensità offre notevoli spunti di riflessione, ha inaugurato la nuova collana ePop di Perdisa Pop che propone esclusivamente ebook.
Testi brevi, ma di qualità, disponibili solo in vesione digitale. Un'operazione intelligente e che può offrire, mi auguro, maggiori possibilità ad autori esordienti.