mercoledì 18 novembre 2015

Diorama di Sergio Sozi - Recensione

La recensione che segue è stata pubblicata sulla rivista letteraria on line Critica Letteraria

 La quarta di copertina recita: “Diorama è sinonimo di veduta panoramica, ma è anche una forma di spettacolo costituita da quadri o vedute di grandi dimensioni. È il caso di questa raccolta di racconti, ai quali il lettore aggiungerà colori, movimento, suoni e volumi” e davvero le storie spesso surreali che Sergio Sozi racconta con ironia ed eleganza offrono la visione su squarci di esistenze che ogni lettore può trasformare nella propria mente assegnando significati e dettagli secondo la propria sensibilità.
Già dai primi racconti si capisce che il fil rouge che accomuna molte delle storie raccolte nel libro è la letteratura contemporanea e i protagonisti del mondo editoriale, tematica che diviene però pretesto per affrontare anche altri argomenti, come il dramma dell'immigrazione, e l'alienazione, lo straniamento indotto in molte persone dalle abitudini di vita di questo nuovo millennio.
Con una scrittura fantasiosa, arguta e ironica, a volte sarcastica, impertinente e provocatoria, altre volte soffusa di malinconia, ma sempre molto elegante e curata, Sozi ci racconta in “Sevdalinka” di una strana ragazza bosniaca condannata allʼavversione per lʼacqua, figlia di due immigrati arrivati da Banja Luka, due intellettuali (Mirana traduttrice, Dragomir traduttore e critico letterario) che vivono ora nel Sud Italia e si sono ridotti lui a fare il muratore e lei a raccogliere pomodori.
“Don Chisciotte è diverso”, si apre con una stilettata assai decisa nei confronti di una certa tipologia di scrittori.

 “Molti oggi iniziano a raccontare qualcosa facendo capire prima di tutto che gliene frega poco di scrivere e sono depressi e inconsolabili – anche pure pessimisti e sfiduciati del mondo dell’Italia e della vita: quanti sforzi di petto!
Credo che se tutte le energie impiegate dagli autori per farsi credere negletti operai delle parole venissero utilizzate ai fini della ricerca della fantasia, avremmo un Manzoni ad ogni angolo, tre Leopardi in ogni paese e qualche centinaio di Calvino fra mari e monti.”
E prosegue con una descrizione piuttosto “cattiva” di certi festival letterari senza risparmiare critiche agli editori.
Critico letterario è anche il protagonista de “L'ultimo giro”: dopo avere saputo dal suo medico che gli rimane solo un mese da vivere, impiega quest'ultimo cercando di ridare dignità alla propria scrittura e giustizia alla letteratura.
Ma ci sono anche racconti su altri temi, come “Carosello” che racconta di un creativo pubblicitario forse fallito, “Suppergiù oggi” in cui seguiamo le disavventure del manager Bongi capitato in un paese inverosimile, “Addavevì' a jurnate” che ha come protagonista l'improbabile nipote di un amministratore di giornate, “Vendetta, tremenda vendetta!” dedicato nientemeno che a Babbo Natale.
Il risultato è una lettura piacevolissima e divertente, che però lascia spazio a riflessioni ben più serie.


Diorama
di Sergio Sozi
Splēn Edizioni, 2015

Nessun commento: