martedì 6 dicembre 2016

Fotogrammi in 6x6 di Michele Marziani - Recensione

La recensione che segue è stata pubblicata su Bookavenue.

Tre fotografie, tre brevi episodi, possono contenere tanta forza narrativa da riuscire a raccontare vite intere. È quello che fa Michele Marziani in questo breve romanzo (o racconto lungo,come si preferisce) con la sua scrittura asciutta ma che con poche frasi riesce a dirti un sacco di cose, a farti entrare nel cuore dei personaggi e delle vicende.
Nel primo fotogramma siamo a Rimini nel 1968, conosciamo Stefano, bambino di prima elementare, che si sente fuori posto, diverso dai compagni di classe, e per questo ce l'ha un po' coi propri genitori che stanno a metà strada tra i “ricchi” e i “proletari”; la stessa divisione che Stefano vive anche tra i suoi compagni di classe dove si sente escluso da entrambi i gruppi. Suo padre insegna alle superiori, un lavoro “borghese” quindi, ma in casa si deve ugualmente fare economia con scelte insolite che il bambino a volte proprio non comprende.
Cambia fotogramma, siamo ancora a Rimini nel 1973. Stefano ha 11 anni e comincia ad essere cosciente di ciò che succede nel mondo. Ad accrescere la sua consapevolezza lo aiuta l'amicizia con Ursula, sua coetanea, figlia del segretario di un ministro di Allende scampato al colpo di stato e ospitata nel suo stesso condominio.
L'ultimo fotogramma è ambientato a Laigueglia, in Liguria, nel 1994. Non è più Stefano il protagonista, ma sua madre che scrive una lettera al nipotino Ernesto che dorme. Le è stato affidato perchè i genitori, entrambi brigatisti, sono in prigione.
Come ci si trasforma da bambini che si sentono fuori posto e cercano di capire il mondo a terroristi? Forse possiamo provare a capirlo leggendo questa storia.
Al contrario di quanto si può pensare, però, non è un libro “politicizzato” ma il racconto di pensieri ed emozioni legati ad alcuni frammenti del '900 visti attraverso gli occhi di un bambino che si chiede come mai le cose “vanno così” e deve scegliere se accettare le risposte che trova crescendo.

Fotogrammi in 6x6 di Michele Marziani
(Antonio Tombolini Editore – Collana Officina Marziani)

Nessun commento: