mercoledì 8 febbraio 2017

Il Colophon febbraio 2017: Per brevità chiamato artista

Protagonisti del primo numero 2017 de Il Colophon, rivista letteraria digitale diretta da Michele Marziani e pubblicata da Antonio Tombolini Editore, sono la narrativa breve, le short story, i racconti.
"Se vi capitasse mai la ventura di tentare la carriera di scrittore - scrive Michele Marziani nell'editoriale - e di farlo con una raccolta di racconti trovereste di fronte a voi una muraglia da fare invidia a quella cinese: «In Italia i racconti non si leggono» vi dirà qualsiasi editore nazionale che si rispetti. Così voi imparereste un’amara verità: in Italia i racconti non si pubblicano quasi mai.
Eppure nelle storie brevi spesso ha sede il cuore della narrativa. Perché scrivere racconti è difficile, inaspettatamente, incredibilmente, infinitamente difficile. Perché è una forma di scrittura che per riuscire impone una disciplina estrema. Un’indagine rapida, spesso invasiva, della quale resta a volte solo un’immagine sfocata. Ma in quella sfocatura sta tutta la bellezza".
Di questa bellezza si parla nel numero intitolato Per brevità chiamato artista, tra interviste, recensioni, racconti, articoli. Tutti interessantissimi e da non perdere.
C'è anche un mio contributo, la recensione a Tutti i racconti di Flannery O'Connor, la regina incontrastata del racconto, che ha molto da insegnare a lettori e scrittori anche oggi.
Come si fa a leggere Il Colophon? basta andare a questo link.

Nessun commento: