lunedì 24 aprile 2017

Punti e interrogativi di Manuela Bonfanti - Recensione

La recensione che segue è stata pubblicata su Bookavenue

Quali sono i punti fermi - o che provano a esserlo - nella nostra vita di donne?
"Trenta metri di libri o l'equivalente in chili" possono cambiare la vita di Brunella e della zia Luce?
La prostituta Gisella saprà adeguarsi ai  "marciapiedi" digitali?
L'ingegner Mascagni supererà positivamente il colloquio di lavoro "malgrado" sia donna?
E le abitanti di Seborovsk - Siberia - che per protesta fermano il treno otterranno ciò che disperatamente desiderano?
Donne che fanno paura perché hanno un cervello o che vivono solo di apparenza, donne vittime della violenza o che nonostante tutto cercano un loro posto nel mondo.
E gli uomini? A dirla tutta non ne escono molto bene nei racconti che compongono Punti e interrogativi, pubblicato da Antonio Tombolini Editore nella collana Oceania dedicata agli scrittori italiani che vivono all'estero. Ma è chiaro che l'intenzione di Manuela Bonfanti non è quella di raccontare situazioni serene e normali, bensì dei bivi a cui spesso conduce la vita, occasioni in cui bisogna decidere - o capire - in fretta la strada da prendere. Mettere un punto o una virgola?
E perché alla fine ci si ritrova sempre con un punto interrogativo?
Quattordici storie assai ben scritte in cui le donne sono protagoniste o comprimarie, ma tutte  prima o poi consapevoli - come pensa la sarta Margherita - che "se c'era una vita da rammendare, voleva che fosse la sua".

Punti e interrogativi di Manuela Bonfanti
(Antonio Tombolini Editore, 2016)

venerdì 21 aprile 2017

Scritture Boreali alla Libreria Mondadori di Imola


Dopo il workshop Inquietudini nordiche, che presto riproporrò, ecco un nuovo appuntamento pensato nell'ambito del mio progetto Orð North: letteratura e cultura scandinava  di cui vi parlo nel dettaglio qui.
Lunedì 24 aprile alle ore 19 la Libreria Mondadori di Imola (Via Emilia 71) ospiterà Scritture boreali, un reading dedicato alla letteratura scandinava contemporanea.
Tra suggestioni paesaggistiche e musicali, grazie all'apporto artistico di Quintoveda e della Compagnia Alice Gira in Città, proporremo un viaggio nell’anima nordica e tra gli scrittori più significativi e interessanti di Svezia, Islanda, Finlandia e Norvegia.
L'evento è inserito nel cartellone del festival Enjoy Your Town.

giovedì 20 aprile 2017

Zanne di Piero De Fazio - Recensione

La recensione che segue è stata pubblicata su Bookavenue

L'ispettore Pietro De Falco è un poliziotto che crede davvero nel proprio lavoro, ci mette impegno e dedizione anche a costo di scontrarsi con i superiori e le autorità per i suoi modi non sempre ortodossi.
Quando a causa di un incidente scopre di avere dei "poteri" inconsueti e pericolosi, decide di usarli per fare giustizia da sé, avventurandosi così in una situazione sempre più pericolosa e dai risvolti inquietanti.
Non voglio raccontare oltre di questo thriller duro e nero perché rovinerei la tensione creata dalla capace scrittura di Piero De Fazio che tiene il lettore "incollato" al romanzo fino all'ultima pagina.
Una scrittura che, nonostante la drammaticità e la crudezza dei fatti narrati, non rinuncia mai a una lieve ironia.
Proprio questo non prendersi mai completamente sul serio è uno dei pregi dell'autore, oltre all'innegabile capacità di tratteggiare in modo efficace i personaggi, anzi le personalità, e a indurre il lettore a sentirsi all'interno della vicenda, invischiato nella trama assieme ai protagonisti. Tanto  da arrivare alle ultime pagine con un certo dispiacere, perché si vorrebbe leggere ancora.
Un'ottima "prima" per De Fazio che speriamo ci regali presto altri romanzi.

Zanne. L'eredità del cane di Piero De Fazio
(Antonio Tombolini Editore, 2016)

mercoledì 19 aprile 2017

Poeti dei suoni - Tre incontri di ascolto guidato nel mondo della musica

Vorrei segnalarvi un'iniziativa molto interessante che si svolgerà a Quintoveda (Via Cavour 58, Imola) a partire dal 26 aprile. Si intitola Poeti dei suoni - Tre incontri di ascolto guidato nel mondo della musica, si tratta di conversazioni informali condotte dal Maestro Marco Belluzzi che aiuterà i partecipanti a scoprire o ad approfondire il jazz, la musica classica e il rock, suggerendo chiavi di lettura e diverse prospettive di approccio.
Il programma si articolerà in tre incontri che avranno inizio alle ore 20.30:

26 aprile "Il profondo e l'effimero. Il jazz e l'improvvisazione continua."

10 maggio "Il mito della forma". Chi ha paura della musica "classica?"

14 giugno "Apocalittico o integrato? Il rock e la ribellione tentata."

Nato a Bologna, Marco Belluzzi ha compiuto gli studi di Canto, Pianoforte, Composizione, Direzione di Coro e d’Orchestra nella città natale. Svolge un’intensa attività di pianista, sia nel campo della musica strumentale sia in quello della musica vocale da camera con particolare riferimento alla musica del XX secolo. In qualità di direttore, ha collaborato con importanti ensembles in Italia e all’estero. È visiting professor presso l’Istituto ‘Söngskóli Sigurðar Demetz’ e direttore principale presso l’Orchestra ‘Kammersveit Hjörleifs Valssonar’ di Reykjavík.
Come compositore è autore di musica sinfonica, da camera e vocale, musica corale e per il teatro.
Dirige il coro polifonico Attosecondo.

venerdì 14 aprile 2017

Questo bacio vada al mondo intero di Colum McCann - Recensione

La recensione che segue è stata pubblicata nel numero di aprile 2017 della rivista letteraria on line Il Colophon.

 Ci sono libri che ti toccano talmente in profondità da rimanerti dentro per giorni, settimane, mesi dopo che li hai terminati, continuando a parlarti. E mentre ne sei immerso non li vorresti abbandonare, vorresti che durassero all’infinito.
Questo bacio vada al mondo intero è uno di quei libri. E se ti fermi a riflettere non sapresti nemmeno dire di preciso perché: per la scrittura? per la trama? per l’atmosfera? Forse per tutto questo e tanto altro. Ma non parlerò dell’emozione e di quella sensazione simile all’innamoramento che ha suscitato in me, perché è soggettiva e personalissima. Vorrei rimanere coi piedi per terra e analizzare i motivi per cui, secondo me, si tratta di uno dei libri più belli che ho letto negli ultimi anni.
Per la scrittura certamente. McCann è essenziale e lineare, non ama giri di parole, eccessi, ridondanze, barocchismi e descrizioni inutili. Ma con una breve frase riesce a farti entrare nell’anima delle persone e delle situazioni. Frasi che nella loro essenzialità e concretezza sono spesso intrise di grande poesia.
“La sola cosa per cui valeva la pena intristirsi era sapere che a volte in questa vita c’è più bellezza di quanta il mondo possa reggerne”.
La stessa poesia che mette persino nel titolo originale, purtroppo convertito — in italiano — in una frase melensa che suggerisce un romanzo sentimentale. Il titolo originale infatti è Let the great world spin (Lascia che il mondo giri in vortici infiniti), anche il titolo di uno dei capitoli, e un verso della poesia Locksley Hall di Tennyson che racconta di un amore perduto.
La trama è intrigante, con questo acrobata in primo piano che si accinge ad attraversare un cavo d’acciaio teso tra due grattacieli in una New York attonita degli anni ’70. All’apparenza sembra che sia proprio questo episodio il filo che lega tutte le altre storie: uno strano sacerdote (irlandese emigrato negli USA come McCann) che si adopera per aiutare le prostitute di un quartiere disagiato, le madri di alcuni soldati caduti in Vietnam, una sgangherata coppia di artisti, e tante altre figure di grande intensità e forza drammatica. Storie che all’apparenza scorrono parallele ma che ad un certo punto della vicenda acquisiranno nuovi significati e si incastreranno perfettamente una nell’altra come pezzi di un puzzle.
Anche l’atmosfera di attesa, che spinge il lettore a sperare, e che pervade tutto il libro è certamente elemento di fascino. Il cavo teso su cui mantenersi in equilibrio non è solo quello dell’acrobata, sono i tanti fili invisibili che attraversano la storia e a cui si aggrappano i protagonisti per non cadere giù, per non farsi inghiottire dalla disperazione, l’amarezza, la noia, la disillusione.
Perché “c’è chi pensa che l’amore sia la fine della strada, e che se si è abbastanza fortunati da trovarlo, ci si ferma lì. Altri dicono che è come un burrone nel quale si precipita. Ma chiunque abbia vissuto almeno un po’ sa che muta con il passare dei giorni, e secondo l’energia che gli si dedica, lo si conserva o ci si aggrappa, oppure lo si perde, ma a volte capita che non sia nemmeno mai stato lì, fin dall’inizio”.


martedì 11 aprile 2017

Il peso sul cuore di Amanda Melling - Recensione

La recensione che segue è stata pubblicata nel numero di aprile 2017 della rivista letteraria on line Il Colophon.

Chi mette piede in Irlanda ne rimane irrimediabilmente affascinato e sovente si ammala di nostalgia per l’isola di smeraldo, ricca di paesaggi suggestivi e intrisa di storia e leggende.
Anche la protagonista de Il peso sul cuore cade in questa rete di fascinazione suo malgrado.
Erica, giovane ligure, parte alla ricerca della zia Flora, approdata anni prima in Irlanda e scomparsa senza lasciare tracce. Arrivata nel villaggio di Cong, dove vive il marito della zia, mentre cerca di scoprire cosa le è accaduto, Erica comincia a capire il motivo che ha spinto Flora a trasferirsi in quel luogo ricco di leggende e colori, di gente allegra e accogliente. Si sente sempre più affine a questa zia che non ha mai conosciuto, Ma si deve anche scontrare con un mistero fitto e con incredibili storie di folletti e luoghi magici.
Se la vicenda raccontata nel romanzo di Amanda Melling — di cui non voglio svelare altro — cattura il lettore fino all’ultima pagina, inseguendo misteri e sentimenti nascenti, grande importanza ha anche l’elemento descrittivo, perché attraverso le parole dell’autrice si riescono a vedere i luoghi, le persone, lo spirito di cui è intrisa l’isola. E si comprende il grande legame che i suoi abitanti hanno col Piccolo Popolo, non solo protagonisti del folklore locale ma appartenenti a una mitologia ancestrale e ancora sacra per molti irlandesi.
Una storia quindi che è un viaggio negli angoli più suggestivi d’Irlanda e attraverso una cultura nella quale l’elemento magico è ancora molto presente. E in cui abitudini vecchie di secoli continuano a essere in uso, come l’anello di Claddagh Ring, composto da due mani che tengono un cuore sormontato da una corona, che simboleggia i tre valori del vero amore (amicizia, amore, lealtà) e ancora oggi molti indossano: con la punta del cuore verso le dita se non sono impegnati, verso il polso se sono legati a qualcuno.
Un viaggio, quello di Erica, che diventa scoperta non solo di bei luoghi ma anche di una realtà diversa da quella a cui è abituata, e la induce ad aprire la mente e il cuore superando i confini in cui spesso la razionalità ci induce.
“Sull’isola di smeraldo tutto era possibile. Erica aveva imparato che una birra non è soltanto una birra, che i laghi oggi ci sono, ma domani possono sparire nel nulla, per poi tornare ancora. Aveva imparato che non c’è niente di strano nel credere che in fondo ad un arcobaleno ci possa essere una pentola d’oro, e che il verde può essere il colore dell’anima, non solo delle colline. Aveva imparato ad amare il gracchiare dei corvi, la forza del vento, l’irruenza dell’oceano, l’allegria di quella gente. E soprattutto, aveva scoperto che nessuno, proprio nessuno, può entrare nel tuo cuore come solo un irlandese sa fare”.

Il peso sul cuore di Amanda Melling
(Antonio Tombolini Editore, 2016)

martedì 4 aprile 2017

Orð North - Parole del nord: progetto dedicato alla letteratura e cultura scandinava

Il mio interesse per i paesi del Nord Europa è nato tanti anni fa, ispirato inizialmente dalla lettura di Karen Blixsen, Peter Høeg, Jostein Gaarder. Poi ho scoperto Arto Paasilinna e Björn Larsson e, grazie ai loro libri, la casa editrice Iperborea, specializzata proprio nella letteratura scandinava. In quel momento la curiosità e l'interesse si sono trasformati in un grande amore che mi ha spinto ad approfondire sempre più la conoscenza degli scrittori nordici e dei loro paesi. Con una particolare predilezione per l'Islanda, la sua lingua e Jón Kalman Stefánsson.
Ho iniziato a raccontare questo mio amore agli amici del Gruppo di lettura Quarta di copertina, ad altre persone ed è stata una grande gioia riuscire a trasmettere il desiderio  di leggere questi autori anche ad altre persone. Da questi primi risultati positivi ha iniziato a prendere forma un progetto che ho chiamato Orð North che in islandese significa "Parole del nord". I primi passi di Orð North si sono concretizzati nell'organizzazione del reading Scritture Boreali, che ha incontrato l'interesse del pubblico e che replicherò il 24 aprile nell'ambito del festival di arti performative Enjoy Your Town. E nella realizzazione di un workshop dal titolo Inquietudini nordiche che terrò, sempre nell'ambito di Enjoy Your Town, sabato 8 aprile dalle 16 alle 19 a Quintoveda (Via Cavour 58, Imola). Il workshop guiderà i partecipanti alla scoperta delle “inquietudini” che hanno caratterizzato la cultura e la società scandinava dai Vichinghi ai giorni nostri.
Un viaggio tra Danimarca, Svezia, Finlandia, Norvegia e Islanda attraverso letteratura, arti visive, musica, cinema, storia, scienze e filosofia per approfondire gli elementi peculiari della cultura nordica antica e moderna.
La quota di partecipazione è di 15 euro (più tessera Panta Rei/Quintoveda 4 euro).
Se desiderate partecipare potete iscrivervi mandando una mail a carlacasazza67@gmail.com