venerdì 14 aprile 2017

Questo bacio vada al mondo intero di Colum McCann - Recensione

La recensione che segue è stata pubblicata nel numero di aprile 2017 della rivista letteraria on line Il Colophon.

 Ci sono libri che ti toccano talmente in profondità da rimanerti dentro per giorni, settimane, mesi dopo che li hai terminati, continuando a parlarti. E mentre ne sei immerso non li vorresti abbandonare, vorresti che durassero all’infinito.
Questo bacio vada al mondo intero è uno di quei libri. E se ti fermi a riflettere non sapresti nemmeno dire di preciso perché: per la scrittura? per la trama? per l’atmosfera? Forse per tutto questo e tanto altro. Ma non parlerò dell’emozione e di quella sensazione simile all’innamoramento che ha suscitato in me, perché è soggettiva e personalissima. Vorrei rimanere coi piedi per terra e analizzare i motivi per cui, secondo me, si tratta di uno dei libri più belli che ho letto negli ultimi anni.
Per la scrittura certamente. McCann è essenziale e lineare, non ama giri di parole, eccessi, ridondanze, barocchismi e descrizioni inutili. Ma con una breve frase riesce a farti entrare nell’anima delle persone e delle situazioni. Frasi che nella loro essenzialità e concretezza sono spesso intrise di grande poesia.
“La sola cosa per cui valeva la pena intristirsi era sapere che a volte in questa vita c’è più bellezza di quanta il mondo possa reggerne”.
La stessa poesia che mette persino nel titolo originale, purtroppo convertito — in italiano — in una frase melensa che suggerisce un romanzo sentimentale. Il titolo originale infatti è Let the great world spin (Lascia che il mondo giri in vortici infiniti), anche il titolo di uno dei capitoli, e un verso della poesia Locksley Hall di Tennyson che racconta di un amore perduto.
La trama è intrigante, con questo acrobata in primo piano che si accinge ad attraversare un cavo d’acciaio teso tra due grattacieli in una New York attonita degli anni ’70. All’apparenza sembra che sia proprio questo episodio il filo che lega tutte le altre storie: uno strano sacerdote (irlandese emigrato negli USA come McCann) che si adopera per aiutare le prostitute di un quartiere disagiato, le madri di alcuni soldati caduti in Vietnam, una sgangherata coppia di artisti, e tante altre figure di grande intensità e forza drammatica. Storie che all’apparenza scorrono parallele ma che ad un certo punto della vicenda acquisiranno nuovi significati e si incastreranno perfettamente una nell’altra come pezzi di un puzzle.
Anche l’atmosfera di attesa, che spinge il lettore a sperare, e che pervade tutto il libro è certamente elemento di fascino. Il cavo teso su cui mantenersi in equilibrio non è solo quello dell’acrobata, sono i tanti fili invisibili che attraversano la storia e a cui si aggrappano i protagonisti per non cadere giù, per non farsi inghiottire dalla disperazione, l’amarezza, la noia, la disillusione.
Perché “c’è chi pensa che l’amore sia la fine della strada, e che se si è abbastanza fortunati da trovarlo, ci si ferma lì. Altri dicono che è come un burrone nel quale si precipita. Ma chiunque abbia vissuto almeno un po’ sa che muta con il passare dei giorni, e secondo l’energia che gli si dedica, lo si conserva o ci si aggrappa, oppure lo si perde, ma a volte capita che non sia nemmeno mai stato lì, fin dall’inizio”.


Nessun commento: